La Lastra Siena Visita delle cantine e degustazione vino con light-lunch Relais della Rovere hotel relais colle val d'elsa Siena Agriturismo Cesani San Gimignano - Siena Agriturismo Le Caggiole San Gimignano Bed Breakfast La Fornace di Racciano  San Gimignano - Siena

I castelli Pisani

Un percorso che ci porta alla scoperta degli antichi castelli delle colline pisane, antiche fortezza sorte nell'età rinascimentale toscana e sviluppatesi con l'avvento dei comuni.


Un percorso che ci porta alla scoperta degli antichi castelli delle colline pisane, antiche fortezza sorte nell'età rinascimentale toscana e sviluppatesi con l'avvento dei comuni. Il percorso si snoda tra gli antichi borghi dei piccoli comuni del pisano, dove ancora è possibile respirare l'aria del periodo comunale, dove le lunghe lotte tra comuni imperversavano.

Castelli Pisani : Il Castello di LariIl Castello dei Vicari a Lari
Roccaforte di confine eretta nell'XI secolo, residenza delle famiglie nobili e sede del Vicario di Giustizia, il Castello di Lari è attualmente sede del Museo: al suo interno si possono visitare la Sala del Tribunale del XVIII secolo, la Sala dei Tormenti con gli strumenti di tortura, e i sotterranei con le prigioni dei secoli XVI-XIX. Le sale storiche conservano reperti archeologici, numerose opere dei Della Rabbia, e resti di affreschi dei secoli XIV e XV. Il castello è attualmente sede del Museo Civico Baldinucci, che espone reperti e documenti della storia di Lari.
Come arrivare
Lari è un piccolo paese situato vicino alla costa toscana (circa 40 km), poco a sud di Pisa, da cui dista circa 30 km, ed a sud-ovest di Firenze, che è a circa 80 km e 45 minuti di auto. È agevolmente raggiungibile dalla Superstrada Firenze-Pisa-Livorno: per chi arriva da Pisa o da Firenze l'uscita è Pontedera-Ponsacco. Da qui Lari è a circa 10 km ed è segnalato.
Se invece si arriva dalla costa (da Livorno) l'uscita è Lavoria, da qui si prosegue per Cenaia e poi per Quattro Strade - Perignano. A questo punto si è a 5 km da Lari ed i cartelli non mancano.
Se si arriva dall' Autostrada A12, l'uscita da prendere è Collesalvetti che è a circa 15 km da Lari, a cui si arriva passando per Cenaia, proseguendo verso Quattro Strade - Perignano.
Arrivando invece dall' autostrada A11 si deve uscire ad Altopascio, proseguire per Pontedera, Ponsacco e quindi seguire i cartelli

Castello di ButiCastello di ButiIl Castello Tonini a Buti
Si tratta del castello che ancora oggi domina il paese e tutto il nucleo storico che lo circonda. È delimitato da una porta di accesso ed è ricco di alcuni palazzi del XVI e del XVII secolo, il più importante dei quali è quello dei Tonini, un tempo anche villa medicea con all'interno numerosi affreschi del Giarrè. Intorno all'attuale Castello Tonini sorgevano in epoca medievale altri castelli, oggi scomparsi o ridotti a ruderi, che facevano parte di un sistema difensivo militare.

Fortezza della Verruca a Calci
Nel territorio era presente fin dal 780 una roccaforte in posizione ideale per controllare il fiume Arno e la sua pianura fino al mare. La fortezza ha sempre costituito un quasi inespugnabile caposaldo per tutti gli eserciti e le potenze interessate alla conquista e al controllo del territorio circostante. L'aspetto attuale della fortezza è il risultato dei lavori di rafforzamento eseguiti dopo le molte guerre. La Verruca è considerata una struttura diso:. mogenea a causa delle diverse fasi e dei diversi autori che ne curarono la costruzione. Le mura rappresentano uno dei pochi esempi di bastionatura eseguita con pietre di vario genere al posto dei caratteristici mattoni in cotto usati all'epoca per opere di architettura militare. In generale si nota che la costruzione deve essere stata eseguita con scarsa cura e senza il solito rispetto delle proporzioni, con una fretta eccessiva, probabilmente dovuta alla necessità di rendere difendibile questo punto nevralgico. Il fronte principale presenta torrioni cilindrici alle dùe estremità attribuiti all'architetto Luca del Caprina, con l'ingresso principaie che si apre all'estrema sinistra del fronte stesso. Il bastione di nord-ovest è invece attribuito ad Antonio da Sangallo.

Rocca pietracassia a LajaticoRocca di Pietracassa di Lajatico
La possente rocca si trova su un versante collinare compreso tra i torrenti Sterza e Fascia, a 550 metri s.l.m., in posizione dominante sulle vallate dell'Era e in parte della Vai di Cecina. La costruzione poggia su un grosso masso di pietra alberese che rende inespugnabile il versante nord. Dalla fenditura che si trova sul masso deriva il nome di "pietra cassa", ossia rotta.
La rocca è citata in un documento del 1028 che tratta di uno scambio di terre e castelli. Oggi la rocca è per la metà distrutta ma quello che resta testimonia lo splendore passato. Il suo nucleo più antico è costituito dalla torre di avvistamento, mentre la cinta muraria risale all'VIII secolo e si estende solo su tre lati del castello. L'unico accesso si trova lungo una muraglia di 45 metri che non ha feritoie o aperture, ed è posto ad un'altezza sopraelevata rispetto alla base in modo da essere murato dall'interno in caso di assedio. All'estremità della muraglia sono collocate due torri che presentano forme diverse: una più massiccia a base eptagonale e l'altra più slanciata a base quadrata.

Rocca del Brunelleschi a Vicopisano
La costruzione della rocca fu commissionata a Filippo Brunelleschi, che realizzò un progetto ritenuto all'ora rivofuzionario. La costruzione iniziò nel 1435: molte chiese e palazzi furono abbattuti, la fortificazione inglobò una torre del XII secolo, che divenne il mastio della fortezza dalla struttura ancora medievale. La vera novità consiste in un insieme di ponti levatoi destinati, quando ritirati, ad isolare parti della fortezza dal resto.
Rocca del Brunelleschi a VicopisanoTale sistema difensivo sarebbe scattato nel caso che ill nemico fosse riuscito a penetrare in una zona della fortezza. Perfezione geometrica del tracciato e gioco delle proporzioni fra ie singole parti sono le caratteristiche peculiari, del progetto del Brunelleschi.
Info:
Rocca del Brunelleschi: aperta dal 1/4 al 30/7 e dal 2/9 al 12/11 con il seguente orario: sabato: 15.30 - 19.30; domenica: 10.00 - 12.30 e 15.00 - 19.30; INGRESSO: INTERO Euro 3.62, RIDOTTO euro 2.58 per gruppi di almeno 15 persone e bambini 10 - 14 anni.

Rocca di Ripafratta di San Giuliano Terme
Le fortificazione, da sempre contesa nelle alterne lotte tra Pisa e Lucca, in quanto fulcro del vasto sistema difensivo di questa delicata zona di confine, sembra risalire a prima del Mille. Sopra il borgo si stagliano imponenti le alte mura che racchiudono il cuore della fortificazione:
Sono tuttora visibili le successive aggiunte in mattoni del Sangallo, risalenti al XV secolo, che contrastano con la scura pietra della costruzione medievale. L'unica porta di accesso, ancora sovrastata dagli stemmi dei vari podestà pisani e fiorentini, conduce all'interno della piazza d'Armi, dove è possibile ammirare i ruderi del mastio, ex torre di vedetta e nucleo più antico del castello. Sempre nel cortile interno i ruderi della residenza del conestabile e gli accessi ai sotterraneil e alle cisterne dell'acqua. Le due torri angolari. chiudono le difese, mentre intorno alla rocca si trovano alcune torri di vedetta.

Rocca Sillana di PomaranceRocca Sillana di Pomarance
La rocca sorge ad un'altezza dil circa 500 metri e domina la val di Cecina e i torrenti del Possera, e del Pavone. ma sua fondaziooe risale ali XIII secolo ad opera dei Vescovi dl, Volterra e rlel XV secolo fece parte del territorio fiorentino, fu rinforzata e respinse, insieme alla vicina Montecastelli, le truppe di Alfonso d'Aragona. Inorigine aveva tre giri di mura m attualmente è rimasta la struttura centrale con torre altissima e visibile da molto lontano. La Rocca è raggiungibile a piedi dopo una salita di circa un chilometro.

Share:

Sistemazioni in zona

Mostra sistemazoni su google map


Tombolo Talasso Resort Centro Benessere e Talassoterapia in Toscana Poggio all'Agnello resort mare Toscana Poggio all'Agnello Tombolo Talasso Resort mare Toscana