Relais della Rovere hotel relais colle val d'elsa Siena Agriturismo Cesani San Gimignano - Siena Agriturismo Le Caggiole San Gimignano Bed Breakfast La Fornace di Racciano  San Gimignano - Siena La Lastra Siena Visita delle cantine e degustazione vino con light-lunch

Fosdinovo ed il castello Malaspina

Fosdinovo domina ancora oggi con la sua intatta mole trecentesca, dall'alto dei suoi 550 metri di altitudine, gran parte della costa Tirrenica sottostante.


Fosdinovo domina ancora oggi con la sua intatta mole trecentesca, dall'alto dei suoi 550 metri di altitudine, gran parte della costa Tirrenica sottostante, distante un decina di chilometri, e della val di Magra che si apre alle sue spalle. La posizione era ideale per controllare lo sbocco al mare della Lunigiana e delle sue strade e valichi appenninici, fra le più frequentate del Medioevo.
Castello Malaspina a FosdinovoIl Borgo:
L'origine di questo nome è controversa: chi lo fa derivare dal fosso scavato a difesa delle mura sul lato verso il mare, chi lo riferisce al passaggio (la foce) che da Fosdinovo si apre verso la Lunigiana interna e verso l'Appennino.
Fino al XIII sec. l'entità più cospicua di questa Consorteria porta i nomi degli Erberia e dei Vescovi di Luni, ma verso la fine del secolo entrarono a farne parte i Malaspina, che in seguito acquistano sempre maggiore importanza, finchè nel 1340, uno di essi, Spinetta, rimane unico proprietario di Fosdinovo.
A lui si deve la costruzione della maggior parte del castello che, collegato con le mura del borgo, diventa il centro politico e militare dei feudi dei Malaspina.
I Malaspina dello Spino Secco (ramo principale) furono ghibellini ed ebbero in generale i loro castelli sulla sponda destra del fiume Magra (Mulazzo, Tresana, Podenzana, Villafranca, ecc.); mentre quelli dello Spino Fiorito (ramo cadetto) li ebbero sulla sinistra (Filattiera, Bagnone, Olivola, Fosdinovo, Massa, ecc.).
Castello Malaspina a Fosdinovo Il potere malaspiniano durò fino al 1800, e in questo periodo diede vita ad uno stato signorile che si distingueva nel mondo per i numerosi uomini illustri del casato. Dopo varie successioni degli Este dal 1815 al 1848, Fosdinovo chiede, nel 1848, l'annessione al governo di Toscana, ma nel 1849 Francesco VI d'Este ne rientra in possesso alla testa di ben 27.000 Austriaci. Solo dopo i moti popolari del 1859 Francesco VI abbandona l'Italia e Fosdinovo nel 1861 viene inserito nella provincia di Massa Carrara e nella Regione Toscana.
Fosdinovo ha sofferto molto della guerra 1940-45: sottoposto al bombardamento delle artiglierie degli alleati per sfondare la Linea Gotica, subì danni notevoli. L'intervento di un giovane fosdinovese (Bonotti Ivaldo) che raggiunse la Linea delle truppe alleate e le informò della scarsa consistenza delle forze tedesche, evitò che il paese fosse ridotto ancor peggio.
La posizione in collina, il clima temperato, la vegetazione ricca e ombrosa permettono ai villeggianti di trascorrere lontano dalla calura della città il periodo estivo.
Lunghe passeggiate nei boschi, che fanno da corona al paese, danno la possibilità di piacevoli merende al sacco o presso i numerosi ristoranti, frequenti nelle frazioni vicine e anche sulle strade statali e provinciali.
In questi ultimi anni il paese, proprio a ragione della tranquillità e del clima, si è imposto come luogo di ritiro per squadre di calcio, anche per la buona attrezzatura alberghiera capace di soddisfare le società più esigenti.

Il Castello di Fosdinovo:
Castello Malaspina a Fosdinovo I più antichi signori di Fosdinovo non dovevano possedere che case-forti per ciascuna famiglia con una torre di difesa comune situata forse nel luogo medesimo dove poi sorse il castello.
Quindi l'origine della costruzione attuale non è databile con precisione: sicuramente esisteva come opera di difesa già prima del 1200 e altrettanto sicuramente a Spinetta Malaspina il Grande e a suo nipote Galeotto deve attribuirsi la costruzione della parte più notevole del castello.
È una costruzione maestosa e complessa. Ha una base all'incirca quadrangolare con cortile centrale. Agli angoli si elevano quattro torri unite fra loro, nella parte piu antica, da camminamenti di ronda e merlature.
Il materiale di costruzione è laterizio frammisto a pezzi di macigno e pietre molto dure dette "sassi rospari".
Castello Malaspina a FosdinovoSicuramente era dotato anticamente anche di un ponte levatoio prima dell'odierna porta d'ingresso, a lato della quale si può vedere la feritoia del posto di guardia.
Sopra la porta vi è un bassorilievo di marmo che rappresenta un cane seduto sulle zampe posteriori e che tiene lo Spino Fiorito in bocca: gli emblemi di Spinetta Malaspina e di Cangrande della Scala, uniti da parentela e amicizia.
L'interno del castello, la cui parte piu antica è la "Piazzetta dei cannoni", subito dopo il portone, presenta molte cose rilevanti e curiose che è qui inutile elencare e descrivere poichè lo farà la guida stessa del castello. Ci limiteremo a raccomandare di prestare attenzione ai numerosi affreschi (tutti, escluso quello posto nella nicchia della cameretta di Dante - raffigurante un Ecce Homo con uno dei Malaspina che parte per le Crociate -, eseguiti nel 1882 dal fiorentino Gaetano Bianchi, riprendendo lo stile quattrocentesco), ai pregevoli mobili antichi, alla stanza circolare del "trabocchetto" nella torre di mezzogiorno, sul cui pavimento si apriva una volta un trabocchetto, appunto, e che offre un suggestivo effetto acustico.
Castello Malaspina a FosdinovoE ancora attenzione alla stupenda struttura interna del castello, alla sua maestosità sottolineata da un panorama che non è da meno e che si spiega davanti agli occhi del visitatore che sale sul camminamento della fortezza, fra i merli ghibellini.

Informazioni utili:
E' possibile visitare il castello.
Le visite sono guidate.
Per informazioni e prenotazioni:
tel 0187/680013-68891

Share:

Sistemazioni in zona

Mostra sistemazoni su google map


Tombolo Talasso Resort Centro Benessere e Talassoterapia in Toscana Poggio all'Agnello resort mare Toscana Tombolo Talasso Resort mare Toscana Poggio all'Agnello