La Lastra Siena Visita delle cantine e degustazione vino con light-lunch Bed Breakfast La Fornace di Racciano  San Gimignano - Siena Relais della Rovere hotel relais colle val d'elsa Siena Agriturismo Cesani San Gimignano - Siena Agriturismo Le Caggiole San Gimignano

Massa Marittima

Il fascino che pervade Massa Marittima è davvero unico e si materializza nella splendida piazza Garibaldi.


Massa MarittimaIl fascino che pervade Massa Marittima è davvero unico e si materializza nella splendida piazza Garibaldi, sulla quale si affacciano i Palazzi del Podestà e dei Priori e dove svetta l'imponente costruzione romanico-gotica del Duomo, iniziato in forme pisane nella prima metà del 1200. Custodisce importanti opere come il duecentesco Battistero decorato da un tabernacolo marmoreo rinascimentale, l'arca di San Cerbone e un interessante tavola del trecento senese. Di fianco al Duomo, al primo piano del Palazzo Bandini, non si tralasci il Museo Archeologico, che vanta un'ampia collezione proveniente dall'intero territorio massetano. Il museo, completamente ristrutturato, comprende reperti dagli scavi dei primi anni del secolo (1929-3 I) e dagli scavi degli anni 1980-90 effettuati in tutta l'area massetana e soprattutto intorno al lago dell'Accesa.
L'itinerario inizia con un profilo storico della ricerca archeologica a Massa Marittima, delineato su una serie di pannelli, dalla preistoria all'età etrusca e romana.
Di notevole interesse è la stele eneolitica di Vado all'Arancio. Nel settore etrusco, un'elegante brocchetta di ambiente nuragico, cinturoni, balsamari. varie brocchette di bucchero, anfore ecc.
Ai due piani superiori sono esposti i reperti delle ultime campagne di scavi (1985), effettuate intorno al lago dell'Accesa, ordinati secondo tematiche emerse in seguito ai risultati degli scavi stessi. Per quanto riguarda la Pinacoteca, attualmente è possibile vedere al piano terra solo la "Maestà" di Ambrogio Lorenzetti, un "Angelo Annunziante" del Sassetta e la "Madonna col Bambino" della bottega di Sano di Pietro. Massa èbella da scoprirsi a piedi, attraverso il vecchio borgo con le antiche botteghe artigiane celate dagli edifici, dove si possono acquistare oggetti in ferro battuto, pietre lavorate, minerali e armi di tipo medievale.
Un altro tuffo nel passato, una visita alla "Vecchia Miniera", ricreata perfettamente sull'originale.

Massa MarittimaStoria
La storia di Massa Marittima è strettamente legata alle miniere d’argento, rame, pirite delle Colline Metallifere, sfruttate fin dalla prima età dei metalli (III millennio a.C.) e poi soprattutto in epoca etrusca e medievale.
Determinante per il suo sviluppo fu il trasferimento da Populonia della sede vescovile forse già nel IX sec. e intorno alla sede del vescovo feudatario, il castello di Monteregio, crebbe la città. Tra XIII e XIV secolo si colloca il periodo di massimo splendore economico, politico, demografico e culturale della città che, grazie alle ricchezze dei bacini minerari, diventa Libero Comune (1225), raggiunge i 10.000 abitanti e batte moneta propria, il“grosso massetano”.
Allo stesso periodo, quindi, risalgono le strutture di maggior pregio artistico e monumentale, quelle che ancora oggi connotano fortemente il tessuto urbano di Massa Marittima. Nella Piazza maggiore (oggi Piazza Garibaldi) si trovano riuniti tutti gli edifici necessari alla vita pubblica di una città: il Duomo (XII-XIII secolo con aggiunte successive), al quale lavorò Nicola Pisano; il Palazzo del Podestà, oggi sede del Museo Archeologico, il Palazzo del Comune, la Loggia del Mercato, la Fonte Pubblica e la Zecca.
Nella parte più alta della città, oltre alle opere di fortificazioni quali le mura massetane e quelle senesi, la Torre del Candeliere e il Cassero Senese, si possono ammirare il convento di San Pietro all’Orto (XII-XIII sec.), recentemente restaurato e sede del Museo di Arte Sacra, la chiesa di S. Agostino e il convento delle Clarisse (XIII sec.).
Nel 1335 Massa Marittima perde la sua autonomia politica dovendo cedere alla conquista di Siena, che da tempo tentava di entrare in possesso delle miniere massetane. Segue un periodo di decadenza economica e demografica, accentuata anche dalla peste del 1348.
Nonostante i gravi problemi, comunque, l’attività mineraria non viene mai completamente abbandonata, anche se di certo è notevolmente ridotta. I Medici, che dal 1557 uniscono al Granducato anche la provincia senese, tentarono qualche intervento volto a favorire la ripresa del territorio, mentre un consistente rilancio si ebbe dal 1737 con l'arrivo dei Lorena quali successori dell’estinta famiglia dei Medici.
L’attività mineraria ha iniziato la sua definitiva fase di declino a partire dagli anni ’80 del ‘900. Da allora Massa Marittima ha scoperto e coltivato la sua nuova vocazione turistica dedicando particolare attenzione alla valorizzazione del suo patrimonio storico-artistico.

Visitare Massa Marittima
Massa Marittima
, che nonostante il nome dista più di venti chilometri dal mare, è considerata una delle gemme medievali della Toscana. Le sue origini sono avvolte dal mistero e nonostante che nei suoi dintorni siano state rilevate tracce di insediamenti umani dell'età del bronzo, che nel periodo etrusco la zona fosse conosciuta per la ricchezza delle sue miniere e che molto probabilmente l'attuale città fu la Massa Veternense romana, l'insediamento rimase ai margini della storia fino almeno al IX° secolo quando divenne centro del potere temporale vescovile grazie al trasferimento della sede episcopale di Populonia a causa del degrado ed abbandono di questa città. Il vescovo preferì lasciare la costa divenuta paludosa e oggetto di continue scorrerie dei pirati greci e saraceni per ritirarsi nel cuore delle colline metallifere. Pare comunque che inizialmente non fu scelta Massa Marittima come sede, infatti sono del 1016 le prime tracce certe dell'esistenza di una chiesa in loco e addirittura dell'inizio del XII° secolo la notizia sicura della costituzione della sede episcopale.

Duomo Massa MarittimaIl Duomo
Nel 1225 Massa diventa libero comune, staccandosi definitivamente dal controllo vescovile, e da qui ha inizio il periodo di maggiore floridezza della città, grazie allo sfruttamento commerciale dei minerali (ferro, rame, piombo, argento) di cui era ricca la zona, tanto che il nome fu mutato in 'Massa Metallorum'. Risalgono a quest'epoca i suoi maggiori monumenti come il Duomo romanico-gotico (iniziato forse già nel XII° secolo), il Palazzo Pretorio e il Palazzo Comunale(1230 circa), la Fonte Pubblica (1265) oltre alla cinta muraria della città inferiore ancora oggi dotata di due splendide porte (Porta Salnitro e S.Bernardino). Fu poi varato un grandioso piano urbanistico di trasformazione della città alta, chiamata in seguito 'città nuova', e fu emesso il 'Codice Minerario', uno dei più importanti documenti giuridici medievali d'Italia e forse il più antico esempio di legislazione del lavoro, al fine di regolamentare tutte le attività estrattive, minerarie e imprenditoriali. Nei primi anni del 1300 la città contava fra i 10.000e 20.000 abitanti.

Massa Marittima: Fonte Pubblica La Fonte Pubblica
òsulla città le mire di Pisa, Siena e Firenze, nelle cui aspre contese si trovò coinvolta fino al 1337, quando Massa Marittima cadde sotto la dominazione senese. Questi ultimi disposero immediatamente, grazie all'imposizione di forti tasse ai cittadini, la ricostruzione e l'ampliamento delle opere difensive: fu eretta una seconda cinta muraria attorno alla città nuova e, fra questa e la parte vecchia, la Fortezza. Questa fungeva in pratica da cerniera fra le due zone della città dominandole entrambe, inglobando l'antica rocca e residenza vescovile di Monteregio (della quale non restano tracce) e il primitivo cassero massetano, la Torre del Candeliere oggi ridotta a due terzi della sua originaria altezza, raccordato alle mura da un arditissimo ponte ad arco rampante. In questo punto, al vertice della ripida via Moncini che la collega con città bassa, sorge la stupenda Porta alle Silici, con doppio apparato a sporgere e numerosi altri accorgimenti difensivi, forse la più bella porta di città medievale della Toscana. La forma della Fortezza Senese è 'a farfalla', infatti le due cortine murarie sono separate da appena 15 metri a nord, in corrispondenza della suddetta porta, e si allargano fino ad essere separate di ben 42 metri verso sud, dove inglobavano la rocca vescovile. Il sistema difensivo era studiato al fine di garantire sicurezza e contatti esterni anche nel caso che entrambe le parti della città fossero cadute in mani nemiche. Tutto il resto del perimetro murario aveva le stesse caratteristiche della fortezza, apparato a sporgere con belli archetti in pietra, e intervallato da numerosi torri quadrate. Ancora oggi conserva intatta la Porta S.Francesco e tutto il lato est mentre gran parte del lato ovest fu abbattuto nelle demolizioni del XVIII° e XIX° secolo.
La peste del 1348 e la perdita dell'autonomia causarono l'iniziò del declino di Massa, tanto che nel 1408 la popolazione era ridotta a circa 400 persone. Nel 1555, sconfitti i senesi dall'esercito di Carlo V alleato a quello mediceo, la città fu annessa al Granducato di Toscana. Però fu solo grazie alle bonifiche del XVIII° secolo sotto i Lorena la zona riprese vita con lo sviluppo dell'agricoltura e la ripresa delle attività estrattive. Per fortuna la città è stata riscoperta, soprattutto nello scorso secolo, da storici, studiosi e artisti che hanno contribuito a riportare all'antico splendore il suo patrimonio artistico e architettonico grazie a sapienti restauri. Oggi il centro storico di Massa Marittima è una meta turistica obbligata per tutti gli amanti del medioevo che visitano la Toscana.

Massa MarittimaEventi

Toscana Fotofestival
Nata nel 1993 su iniziativa del Gruppo Fotografico di Massa Marittima, la manifestazione, soprattutto negli ultimi anni, ha ottenuto un notevole riscontro di pubblico, proponendo mostre3 di autori tra i più rappresentativi della fotografia contemporanea, da Oliviero Toscani a Lucien Clergue ad Antonio Salgado. Il Toscana Foto Festival si apre in Agosto con mostre fotografiche, incontri e proiezioni, mentre in Settembre propone agli appassionati alcuni workshop condotti da grandi nomi di fama internazionale sulle tecniche e sui segreti che permettono di sperimentare e capire come la fotografia possa diventare autentica espressione artistica.

Share:

Sistemazioni in zona

  • Il Convento di Monte Pozzali Farmhouse Massa Marittima Grosseto Il Convento di Monte Pozzali
    Il Convento di Monte Pozzali è un antico monastero del XII secolo oggi completamente ristrutturato ed adibito a residenza di campagna di alto livello.
    Richiedi disponibilità
  • B&B Giardino dei Sugheri Bed Breakfast Scarlino Grosseto B&B Giardino dei Sugheri
    Il Bed Breakfast il Giardino dei Sugheri è ubicato in Maremma e nasce da un'attenta ristrutturazione di un antico podere toscano.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo San Ottaviano Farmhouse Monterotondo Marittimo Grosseto Agriturismo San Ottaviano
    Agriturismo San Ottaviano è un piccolo paradiso immerso nell'incantevole natura della Maremma, nel punto in cui si incontrano le provincie di Grosseto, Livorno e Pisa.
    PRENOTA ONLINE
  • Cielsereno Farmhouse Casole D'Elsa Siena Cielsereno
    L'Agriturismo Cielsereno si trova a Casole d'Elsa nel centro della Toscana, nel cuore della campagna tra Siena e Firenze, un angolo di paradiso per coloro che amano la natura e il relax.
    PRENOTA ONLINE
  • Podere Vignanova Relais Castagneto Carducci Livorno Podere Vignanova
    Podere Vignanova, little charming resort in Toscana, uno degli angoli più incantevoli della Costa degli Etruschi tra vigneti ed il mare.
    Richiedi disponibilità
  • Poggio all'Agnello Holiday Resort Resort Piombino Livorno Poggio all'Agnello Holiday Resort
    Immerso il mare e la natura della Costa degli Etruschi, il Residential Resort Country & Beach di Poggio all'Agnello è un ampio villaggio turistico in toscana dotato di tutti i servizi.
    PRENOTA ONLINE
  • Tombolo Talasso Resort Resort Castagneto Carducci Livorno Tombolo Talasso Resort
    Il Tombolo Talasso Resort e' la soluzione perfetta per una vacanza al mare in Toscana, l'unico hotel in Toscana che offre una SPA completamente dedicata alla talassoterapia
    PRENOTA ONLINE
  • La Pieve Farmhouse Colle Val D'Elsa Siena La Pieve
    Agriturismo La Pieve, casale di charme situato sulle colline della Val d'Elsa, tra Volterra e San Gimignano, lungo la via Francigena, nel cuore della campagna toscana, ricca di elementi naturali e testimonianze storiche.
    Richiedi disponibilità
  • B&B la Fornace di Racciano Bed Breakfast San Gimignano Siena B&B la Fornace di Racciano
    La Fornace di Racciano, delizioso Bed and Breakfast a 2 km dal centro storico della medioevale San Gimignano, e' situato in un autentico casale toscano, immerso in un grande giardino fiorito.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Villa il Palagetto Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Villa il Palagetto
    Agriturismo Villa il Palagetto ubicato nelle immediate vicinanze del centro storico della medioevale San Gimignano, nel cuore della emozionante Toscana di collina.
    Richiedi disponibilità
  • Relais della Rovere Relais Colle Val D'Elsa Siena Relais della Rovere
    Relais Della Rovere è un'affascinante Hotel vicino Siena in una suggestiva location nata dalla ristrutturazione di un'antica abbazia benedettina e di una Villa Papale di epoca rinascimentale.
    PRENOTA ONLINE
  • Agriturismo la Lucciolaia Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo la Lucciolaia
    In un suggestivo ed incontaminato paesaggio collinare, sulla sommità della collina, con vista mozzafiato sulle medioevali torri di San Gimignano, dal quale dista circa 7 Km, si erge L'Agriturismo La Lucciolaia.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Cesani Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Cesani
    A metà strada tra Siena e Firenze, in una piccola frazione, Pancole, a 6 km dal centro di San Gimignano immersa tra vigneti e oliveti, è ubicata l'Azienda Agricola Biologica Cesani.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Marciano Farmhouse Siena Siena Agriturismo Marciano
    L'Agriturismo Marciano: un'opportunità unica, due vacanze in una. Soggiorno in campagna e vita in città. Marciano è situato a ridosso della cinta muraria della medioevale Siena.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo La Valle Farmhouse Montaione Florence Agriturismo La Valle
    Nel cuore della Toscana, a meno di un chilometro dal centro del borgo medievale di Montaione, si trova l'agrituriso la Valle
    Richiedi disponibilità
  • Fignano Villa Montaione Florence Fignano
    Adagiato tra le verdeggianti colline della campagna toscana, a tre chilometri di distanza da Montaione, si trova la struttura turistica Fignano.
    Richiedi disponibilità
  • La Locanda Hotel Radda in Chianti Siena La Locanda
    Il Country Hotel La Locanda nasce dal recupero di un antico podere affacciato sul più bel paesaggio del Chianti Classico fra boschi, ulivi e vigne, a circa 3 chilometri dal bellissimo borgo medievale di Volpaia a Radda in Chianti.
    PRENOTA ONLINE

Mostra sistemazoni su google map


Poggio all'Agnello resort mare Toscana Tombolo Talasso Resort Centro Benessere e Talassoterapia in Toscana Tombolo Talasso Resort mare Toscana Poggio all'Agnello