San Miniato

San Miniato è terra di insediamento etrusco e poi romano, come testimoniano gli scavi di una necropoli del III secolo a.C. in località Fontevivo e quelli di una villa romana in località Antonini.


San MiniatoSan Miniato è terra di insediamento etrusco e poi romano, come testimoniano gli scavi di una necropoli del III secolo a.C. in località Fontevivo e quelli di una villa romana in località Antonini, i cui reperti sono visibili al Museo archeologico di Firenze e in piccola parte nel Museo Civico.
Il nucleo originario della Città risale all’VIII secolo, quando diciassette longobardi, secondo il documento originale del 713 conservato all’Archivio Arcivescovile di Lucca, edificarono una chiesa dedicata al martire Miniato.
La città dunque di origine germanica e dal Medio Evo sarà conosciuta come San Miniato al Tedesco. Nell’arco di cinque secoli San Miniato crescerà come bastione medievale, da quando Ottone I di Sassonia, nel 962, ne farà uno dei centri dell’amministrazione imperiale, fino a Federico II di Svevia che nel 1218 vi edificherà il suo castello, destinandolo alla raccolta dei tributi per l’Italia centrale.
San Miniato, al declinare della potenza sveva, diviene libero comune. La città si estende con grandi conventi, scuole, istituzioni e ospedali. Gli Statuti comunali, conservati nell’archivio storico, ne testimoniano l’indipendenza e la fortuna. Solo alla fine del XIV secolo San Miniato dovrà sottomettersi alla nascente Signoria fiorentina.
San Miniato : Convento FrancescanoSarà di nuovo una tedesca, Maria Maddalena d’Austria, moglie di Cosimo dei Medici a privilegiare San Miniato, facendone sede vescovile nel 1622. Una grande statua marmorea le sarà eretta per gratitudine. Purtroppo distrutta a fine Settecento dai giacobini sanminiatesi durante la Rivoluzione Francese, ne resta oggi solo un poderoso frammento, collocato vicino al convento francescano.
Forte è lo sviluppo della città nel secolo successivo. La sede diocesana la arricchisce del Santuario del Santissimo Crocifisso e del grande Seminario. La vita culturale è fertile e crea accademie di studio e di cultura, come quella degli Affidati e poi degli Euteleti.
Alla fine dell’Ottocento San Miniato è una città ormai definita. Sarà la II Guerra Mondiale a infliggerle un duro colpo quando l’esercito tedesco mina e distrugge la rocca di Federico II e larga parte dei quartieri medievali. Ma la ricostruzione sarà rapida: nel 1957 la rocca viene riedificata dalle rovine a indicare dalla piana la rinascita della città.

Arte e Cultura
Una tale storia non poteva non lasciare un rilevante patrimonio artistico e architettonico. Un breve giro può iniziare dalla centrale Piazza del Popolo, con la trecentesca chiesa di San Domenico, ricca di opere, fra cui un affresco di Sant'Anselmo, attribuito da Longhi e Berenson a Masolino da Panicale, e un monumento funebre di Donatello.
A sinistra della facciata la stupefacente Via Angelica, un passaggio sotterraneo che dalle mura collegava la Città alla Campagna, su cui si affacciano le cappelle dell'antico convento. A destra i chiostri del convento, confiscati e aperti alla cittadinanza dall'amministrazione napoleonica, dove ha sede l'Archivio Storico, uno dei più ricchi della Toscana con oltre centomila documenti dal 1200, fra cui gli antichi Statuti del Comune.
Proseguendo si trovano esempi di architettura rinascimentale, fra cui Palazzo Formichini , sede della collezione della Cassa di Risparmio (con opere del Guercino, Lorenzo di Bicci, Jacopo del Sellaio, Cigoli e Giovanbattista Naldini), e soprattutto Palazzo Grifoni, edificato nel 1555 da Giuliano di Baccio d'Agnolo. Scendendo a valle, oltre l'ottogonale chiesa della Santissima Annunziata, che conserva le reliquie di Santa Dorotea, si incontra il Monastero di Santa Chiara., altro nucleo del sistema museale, con opere del Cigoli, Deodato Orlandi, Jacopo Chimenti e tavole di scuola senese e fiorentina del Quattrocento.
Ma è in direzione opposta partendo da San Domenico che si sale al vecchio centro castellare. Superato Palazzo Roffia, anch'esso di Giuliano di Baccio d'Agnolo, ci si inoltra nella Porta Toppariorum, che dˆ accesso all'antico nucleo difensivo. All'interno della Porta, la Casatorre degli Stipendiari, opera federiciana, oggi spazio espositivo, che ospitava il contingente militare. Oltre, la scenografica Piazza del Seminario, chiusa dall'altra porta medievale detta della Ruga.
Dalla Piazza, attraverso un triplice sistema d'accesso, si sale alla Piazza del Duomo. Qui si trovano, risalenti all'XI secolo, i resti della torre e del Palazzo imperiali, sede dei vicari ottoni e svevi, che hanno ospitato ben quattro imperatori germanici: Ottone I di Sassonia nel 962, Federico Barbarossa nel 1167 e nel 1178, Ottone IV nel 1209 e Federico II di Svevia nel 1218, nel 1226 e nel 1240. Dirimpetto il Palazzo Vescovile, eretto nel Trecento su tre edifici preesistenti. Davanti, il Duomo, l'antica pieve di Santa Maria del 1100, che conserva il suo prospetto romanico.
Accanto il Museo Diocesano d'Arte Sacra con numerosissimi reperti, un redentore del Verrocchio e una crocifissione di Filippino Lippi.
Duomo di San Miniato Dietro, la Torre di Matilde, eretta nel 1100 e poi inglobata nel duomo come torre campanaria. In alto, la Rocca e il cassero federiciano dove, come ricorda Dante nel XIII canto dell'Inferno, venne imprigionato per morirne Pier delle Vigne, consigliere in disgrazia di Federico II.
Alle pendici della collina principale si collocano poi la mole trecentesca del convento di San Francesco, per molti secoli uno dei centri francescani più fiorenti della Toscana.
Nel Quattrocento fu retto dai Beati Borromeo e Bernardo, che poi insegnarono a Oxford e alla Sorbona. Sull'altro versante della collina, il Santissimo Crocifisso, pregevole opera a croce greca di Anton Maria Ferri del 1705, dove si venera un crocifisso ligneo dell'XI secolo, ritenuto miracoloso.
Davanti al Santuario si trovano il Palazzo del Comune, con sale affrescate dietro la facciata ottocentesca, e l'Oratorio del Loretino, con tavole di Francesco Lanfranchi, fratello di Andrea Del Sarto, e un altare ligneo del 1527. Discendendo la collina, fra chiese e palazzi altomedievali, si giunge nella storica Piazza Bonaparte, col monumento a Leopoldo Granduca di Toscana del Pampaloni e l'Oratorio di San Rocco, antica cappella di famiglia dei Buonaparte.
Proseguendo verso la distrutta Porta di Poggighisi, da cui Francesco Ferrucci conquistò la città nel 1530, si giunge infine alla chiesa di Santa Caterina, rimaneggiata nel XVII secolo, che ospita lo scheletro di San Bonifacio martire, e il cinquecentesco Palazzo Migliorati, oggi sede dell'Accademia degli Euteleti, che conserva la maschera funebre di Napoleone.

San Miniato : La Rocca FedericianaLa Rocca Federiciana
Situata sul colle più alto di San Miniato(m.192), è un rifacimento di quella medievale, distrutta dalla guerra 1940-45, unico resto della Rocca di Federico II . Molti storici sostengono che in essa sia stato rinchiuso Pier delle Vigne.

Dalla sommità del monumento si gode un meraviglioso panorama: la vasta pianura dell’Arno, i monti pisani, pistoiesi, fiorentini sovrastati dalla catena appenninica, i colli che da San Gimignano e Volterra degradano verso il mare.

Il Sistema Museale
Un tale patrimonio artistico ha reso San Miniato la sede naturale di un esperimento condotto dall’Amministrazione Comunale, dalla Soprintendenza e dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di San Miniato: la realizzazione di un sistema museale che, invece di risolversi nella concentrazione delle opere in un unico luogo di esposizione, traccia un itinerario urbano in otto luoghi nei quali le opere possono essere fruite nel loro contenitore naturale.
Il primo degli otto poli è il Museo Diocesano d’Arte Sacra, nato nel 1966. Il secondo è l’Oratorio del Lorentino. Il terzo è posto al primo piano di Palazzo Roffia, lungo la strada che dalla Piazza del Seminario conduce verso il centro cittadino. Il quarto è il nucleo nascente del Museo Archeologico, situato negli spazi ipogei del complesso monastico di San Domenico, a lato dei Chiostri aperti al pubblico, che contiene le testimonianze della San Miniato etrusca e romana. Il quinto polo, più distante dal centro, è il conservatorio di Santa Chiara, antica sede delle Clarisse. Il sesto è collocato all’interno di Palazzo Migliorati, nella sede dell’Accademia degli Euteleti, nata nel 1822 dall’Accademia dei Rinati, che a sua volta fu fondata nel 1748 a rinnovare la prima Accademia di Scienze e Lettere sorta a San Miniato nel Seicento, quella degli Affidati. Il settimo polo è rappresentato dalla Via Angelica, ulteriore spazio ipogeo della chiesa domenicana, opposto rispetto al prospetto a quello del Museo Archeologico.
L’ottavo è, infine, la Rocca Federiciana, che conclude questo virtuale itinerario non comprendono opere, ma rendono possibile osservare, dalla sua sommità, la particolare struttura della Città disegnata sui crinali delle colline e l’intera piana centrale dell’Arno.

San Miniato e il Suo Territorio
San Miniato divide, con il suo profilo collinare altomedievale, la Valle dell'Arno, densa di paesi ed insediamenti, e il panorama incontaminato del suo vasto entroterra rurale. Sulla carta geografica, le "colline samminiatesi" collegano l'area fiorentina di Montespertoli e San Casciano, la Valdelsa di San Gimignano e la campagna pisana interna fino all'etrusca Volterra, i cui monumenti si scorgono, nelle giornate di chiaro, dal colle della Rocca.
La prima notizia sistematica del territorio di San Miniato risale al 938 ed è conservata all'Archivio Arcivescovile di Lucca: è un atto di infeudamento, che conferisce a un signore la Città e oltre trenta località vicine. Tutte le principali fattorie del territorio sono già elencate in questo documento. Una bolla papale del 1195 indicherà nel territorio sanminiatese oltre cinquanta chiese con le loro comunità rurali.
Non sorprende, dunque, che la campagna samminiatese veda ancor oggi numerosi piccoli centri, ville, pievi e castelli. L'itinerario più suggestivo si spinge nella Valle dell'Egola, affluente dell'Arno, e si dirige verso Sud-Ovest.
Scendendo dalla discesa della "Costa" verso l'interno pisano ed oltrepassato il borgo della Serra, una ripida strada sterrata dentro una foresta conduce al Castello di Montebicchieri, uno dei bastioni diffusi di difesa dell'antico comune. Intorno alla struttura castellare, in mezzo a grandi querce, sta l'antico insediamento rurale, oggi abbandonato.
Tornando indietro verso la Serra ed inoltrandosi verso Palaia, il territorio offre una delle più curiose esperienze. Deviando in direzione di Bucciano, salendo il colle e inoltrandosi nella valle del fiume Chiecina, è possibile incontrare l'antica Pieve di Barbinaia, ricordata nei documenti giù dall'anno 868, i cui ruderi furono inglobati in una vecchia colonica, oggi in rovina.
Uscendo dalla Valle e rifacendo a ritroso il fiume Egola, è possibile salire al vecchio Borgo di Balconevisi, dominato dalla Villa Strozzi. Da questo insediamento antichissimo (il toponimo, verosimilmente, è longobardo: la Valle di Cunighiso) partono alcuni itinerari di notevole interesse, alcuni dei quali conducono a tombe ipogee del neolitico.
E infine, proseguendo per la Valle, ci si trova di fronte la Pieve di San Giovanni di Corazzano, monumento nazionale e classico esempio di romanico rurale. Risalente al XII secolo e nitida nel rosso rigore del cotto, essa ingloba nel prospetto marmorei reperti romani dell'età classica ricavati dall'insediamento preesistente, l'antica stazione romana di Quaratiana.
Intorno a questi luoghi si aprono le colline con le fattorie, che punteggiano i picchi collinari di un bosco diffuso, e le antiche coloniche e le strutture monumentali delle tabaccaie, alcune delle quali ancora in produzione. Quest'ambiente ancora intatto dalla modernità, verde e ricco di storia, è oggi fruibile per intero, nelle strutture agrituristiche ospitate dalle principali fattorie.

Share:

Sistemazioni in zona

  • Agriturismo La Valle Farmhouse Montaione Florence Agriturismo La Valle
    Nel cuore della Toscana, a meno di un chilometro dal centro del borgo medievale di Montaione, si trova l'agrituriso la Valle
    Richiedi disponibilità
  • Fignano Villa Montaione Florence Fignano
    Adagiato tra le verdeggianti colline della campagna toscana, a tre chilometri di distanza da Montaione, si trova la struttura turistica Fignano.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Casa Italia Farmhouse Lamporecchio Pistoia Agriturismo Casa Italia
    A poca distanza da Vinci, il paese che dette i natali al famoso artista, lagriturismo Casa Italia vi aspetta per trascorrere le tua vacanza allinsegna del riposo, della natura e della cultura in questa splendida terra.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Cesani Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Cesani
    A met strada tra Siena e Firenze, in una piccola frazione, Pancole, a 6 km dal centro di San Gimignano immersa tra vigneti e oliveti, è ubicata l'Azienda Agricola Biologica Cesani.
    Richiedi disponibilità
  • B&B la Fornace di Racciano Bed Breakfast San Gimignano Siena B&B la Fornace di Racciano
    La Fornace di Racciano, delizioso Bed and Breakfast a 2 km dal centro storico della medioevale San Gimignano, è situato in un autentico casale toscano, immerso in un grande giardino fiorito.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Niccolai - Palagetto di sotto Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Niccolai - Palagetto di sotto
    Agriturismo Niccolai ubicato nelle immediate vicinanze del centro storico della medioevale San Gimignano, nel cuore della emozionante Toscana di collina.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo la Lucciolaia Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo la Lucciolaia
    In un suggestivo ed incontaminato paesaggio collinare, sulla sommità della collina, con vista mozzafiato sulle medioevali torri di San Gimignano, dal quale dista circa 7 Km, si erge L'Agriturismo La Lucciolaia.
    Richiedi disponibilità
  • Marignolle relais & charme Hotel Firenze Florence Marignolle relais & charme
    Il relais di charme Marignolle, adagiato sulle colline di Firenze, la soluzione ideale per chi desidera un luogo di eccellenza e di relax, per chi ama privacy e tranquillit senza rinunciare alle attenzioni e i servizi di un hotel di lusso.
    PRENOTA ONLINE
  • Relais della Rovere Relais Colle Val D'Elsa Siena Relais della Rovere
    Relais Della Rovere è un'affascinante Hotel vicino Siena in una suggestiva location nata dalla ristrutturazione di un'antica abbazia benedettina e di una Villa Papale di epoca rinascimentale.
    PRENOTA ONLINE
  • Cielsereno Farmhouse Casole D'Elsa Siena Cielsereno
    L'Agriturismo Cielsereno si trova a Casole d'Elsa nel centro della Toscana, nel cuore della campagna tra Siena e Firenze, un angolo di paradiso per coloro che amano la natura e il relax.
    PRENOTA ONLINE
  • Val di Luce SPA Resort Hotel Abetone Pistoia Val di Luce SPA Resort
    Immerso nella natura della montagna appenninica il Val di Luce SPA Resort si propone come luogo ideale per trascorrere una vacanza dedicata a se stessi in un raffinato contesto dotato di tutti i confort.
    PRENOTA ONLINE
  • Hotel Hermitage Hotel Bibbona Livorno Hotel Hermitage
    Nella rilassante quiete di Marina di Bibbona l'Hotel Hermitage accoglie i suoi ospiti in una struttura quattro stelle moderna e confortevole in prossimit della splendida Costa degli Etruschi.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo San Ottaviano Farmhouse Monterotondo Marittimo Grosseto Agriturismo San Ottaviano
    Agriturismo San Ottaviano è un piccolo paradiso immerso nell'incantevole natura della Maremma, nel punto in cui si incontrano le provincie di Grosseto, Livorno e Pisa.
    Richiedi disponibilità
  • La Locanda Hotel Radda in Chianti Siena La Locanda
    Il Country Hotel La Locanda nasce dal recupero di un antico podere affacciato sul più bel paesaggio del Chianti Classico fra boschi, ulivi e vigne, a circa 3 chilometri dal bellissimo borgo medievale di Volpaia a Radda in Chianti.
    PRENOTA ONLINE
  • Villa Dievole Resort Castelnuovo Berardenga Siena Villa Dievole
    Villa Dievole avvolta in unatmosfera magica in unarea di 400 ettari tra le colline del Chianti Classico, nel cuore della Toscana!
    PRENOTA ONLINE
  • Agriturismo Marciano Farmhouse Siena Siena Agriturismo Marciano
    L'Agriturismo Marciano: un'opportunità unica, due vacanze in una. Soggiorno in campagna e vita in città. Marciano è situato a ridosso della cinta muraria della medioevale Siena.
    Richiedi disponibilità
  • Villa Toscana Villa Camaiore Lucca Villa Toscana
    Villa immersa nel verde sulle colline della Versilia, in localit Peralta (Camaiore), Versilia, Toscana.
    Richiedi disponibilità
  • Podere Vignanova Relais Castagneto Carducci Livorno Podere Vignanova
    Podere Vignanova, little charming resort in Toscana, uno degli angoli pi incantevoli della Costa degli Etruschi tra vigneti ed il mare
    Richiedi disponibilità
  • I Monti Farmhouse Montieri Grosseto I Monti
    I Monti agriturismo è situato nel comune di Montieri nel cuore delle Colline Metallifere dispone di 4 appartamenti e una camera.
    PRENOTA ONLINE
  • Tombolo Talasso Resort Resort Castagneto Carducci Livorno Tombolo Talasso Resort
    Il Tombolo Talasso Resort la soluzione perfetta per una vacanza al mare in Toscana, l'unico hotel in Toscana che offre una SPA completamente dedicata alla talassoterapia
    PRENOTA ONLINE
  • Villa Clementina Villa Pietrasanta Lucca Villa Clementina
    Bellissima villa singola di charme a Pietrasanta con piscina circondata da un giardino di 2000 m.q. con vasca idromassaggio, a 6 chilometri da Marina di Pietrasanta e 1 Km dal centro di Pietrasanta in una posizione di assoluta privacy e relax.
    PRENOTA ONLINE
  • Residenza d'Epoca I Pini Historical house Camaiore Lucca Residenza d'Epoca I Pini
    Residenza d'Epoca HOTEL I PINI : a Lido di Camaiore in Toscana a cento metri dal mare, un angolo di quiete e charme in Versilia.
    Richiedi disponibilità

Mostra sistemazoni su google map


Tombolo Talasso Resort Poggio all'Agnello