Siena

Il centro medievale di Siena è pieno di maestosi edifici gotici, mentre le chiese, i musei e gli edifici pubblici ospitano veri capolavori d’arte.


Il suo centro medievale è pieno di maestosi edifici gotici, mentre le chiese, i musei e gli edifici pubblici ospitano veri capolavori d’arte. Secondo la leggenda, Siena fu fondata da Senio, figlio di Remo, per cui il simbolo della lupa che allatta i gemelli Romolo e Remo è presente a Siena come a Roma. In realtà, la città ha probabilmente origini etrusche, ma cominciò a diventare una città vera e propria solo dopo il I secolo a.C., quando i Romani vi fondarono una colonia militare chiamata Saena Julia.
Siena rimase un avamposto di minore importanza fino all’arrivo dei Longobardi nel VI secolo. Sotto il loro governo, infatti, Siena divenne un punto chiave lungo la strada principale che collegava l’Italia settentrionale a Roma, la Via Francigena. Nel XIII secolo Siena era già diventata una prospera città dedita ai commerci, e aumentarono sempre più le attività di commercianti e banchieri di fama internazionale.
SienaLa rivalità con Firenze fu inevitabile, e dopo la sconfitta dei ghibellini toscani ad opera di Carlo d’Angiò per quasi un secolo Siena fu obbligata ad attenersi alla politica di Firenze negli affari internazionali, diventando membro della Lega Guelfa Toscana (che sosteneva il papato). Durante questo periodo Siena raggiunse il massimo del suo splendore sotto il governo repubblicano del Consiglio dei Nove, autorità esecutiva eletta e dominata dalla classe mercantile allora emergente: a questo periodo risalgono molti degli edifici in stile gotico senese.
La scuola senese di pittura iniziò la sua attività in questo periodo con Guido da Siena raggiungendo la sua massima fioritura agli inizi del XIV secolo con le opere di numerosi artisti tra cui Duccio di Buoninsegna, Simone Martini e Pietro e Ambrogio Lorenzetti. La peste del 1348 causò la morte di due terzi dei 100.000 abitanti di Siena. Alla fine del XIV secolo, Siena passò sotto il dominio della famiglia milanese dei Visconti, e nel secolo successivo sotto il patrizio autocratico Pandolfo Petrucci. Sotto il governo di Petrucci le fortune della città aumentarono, ma l’imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V conquistò Siena nel 1555 e in seguito la città fu consegnata a Cosimo I de’ Medici, che per un certo periodo addirittura impedì agli abitanti l’attività bancaria limitando così le possibilità di sviluppo di Siena. Oggi la prosperità di Siena si basa sul turismo e sul successo della sua banca, il Monte dei Paschi di Siena, fondata nel 1472 e oggi una delle principali attività imprenditoriali della città. Con la crescita della sua popolazione dopo la seconda guerra mondiale (nella seconda metà del Settecento il numero degli abitanti era sceso a 16.000), la città fu la prima in Italia (nel 1965) a bandire il traffico motorizzato dal suo centro storico.
Siena : Piazza del CampoIl cuore della città è la magnifica Piazza del Campo, a forma di conchiglia, che sorge sull’area dell’antico foro romano di cui conserva l’impronta strutturale del teatro. Nella parte superiore della piazza si trova la Fonte Gaia e di fronte, nel punto più basso, fa da sfondo il Palazzo Pubblico, uno degli edifici gotici più leggiadri d’Italia, con la sua torre campanaria alta 102 m, la Torre del Mangia. All’interno del palazzo comunale c’è il Museo Civico, dove è possibile ammirare una delle opere più importanti della scuola senese, la Maestà di Simone Martini, e la serie di affreschi di Ambrogio Lorenzetti che raffigurano gli Effetti del Buon e del Cattivo Governo, allegorie tra le più significative giunte fino a noi dall’epoca medievale.
Nonostante abbia mantenuto alcuni elementi romanici, il Duomo di Siena è una delle più grandi chiese gotiche italiane. La magnifica facciata di marmo policromo bianco, verde e rosso fu iniziata da Giovanni Pisano alla fine del Duecento e fu terminata verso la fine del XIV secolo. Nell’interno la caratteristica più preziosa del Duomo è il pavimento in marmo intarsiato decorato con 56 pannelli che raffigurano argomenti storici e biblici. Dopo il pavimento, l’altro elemento di maggior pregio della chiesa è il bel pulpito ottagonale scolpito nel marmo e nel porfido da Nicola Pisano tra il 1265 e il 1268. Il Museo dell’Opera Metropolitana si trova accanto al Duomo e ospita i capolavori che un tempo ornavano il Duomo, comprese le 12 statue di profeti e filosofi che decoravano la facciata e furono realizzate da Giovanni Pisano. Il vero tesoro del museo è la straordinaria Maestà dipinta agli inizi del XIV secolo da Duccio da Buoninsegna su entrambi i lati di una pala realizzata per l’altare maggiore del Duomo.
Alle spalle del Duomo scendendo una rampa di scale si giunge al Battistero di San Giovanni, la cui facciata gotica, che non è mai stata portata a termine nella parte superiore, è un notevole capolavoro in marmo.
Siena : Duomo di Siena Per un excursus nei capolavori gotici della scuola senese, non si deve perdere la Pinacoteca Nazionale, una galleria d’arte ospitata nel quattrocentesco Palazzo Buonsignori, dove è custodita la più vasta raccolta di arte senese della città. Un altro importante centro d’arte è il complesso museale di Santa Maria della Scala: fino a pochi anni fa ancora ospedale attivo con quasi un millennio di storia alle spalle, ora ospita la straordinaria serie di affreschi di Domenico di Bartolo in quello che un tempo era il principale reparto di degenza.
Un’altra imponente chiesa gotica è la Chiesa di San Domenico, che fu iniziata nella prima metà del XIII secolo e nel corso dei secoli ha subito numerose trasformazioni. Nella Cappella di Santa Caterina, sul lato meridionale della chiesa, ci sono alcuni affreschi del Sodoma che raffigurano episodi della vita della santa a cui Siena diede i natali.
Musei di Siena
Museo Civico e Torre del Mangia
Siena : Museo Civico e Torre del MangiaIl Palazzo Pubblico, del cui progetto iniziale non si conosce l’autore, ha subito varie fasi costruttive: già dal 1304 la parte prospiciente il Campo era probabilmente già realizzata, poi si procedette a un "ampliamento" consistente nella sezione centrale che ospita la Loggia dei Nove, la Sala del Consiglio, gli Uffici della Biccherna; le maggiori modifiche successive furono quelle di Carlo Fontana alla fine del XVII secolo, riguardanti le sopraelevazioni delle due ali laterali, e quelle di fine Ottocento di ripristino della facciata in senso neogotico. Con l’istituzione del Museo Civico, negli anni ’30 di questo secolo, il Palazzo ha raggiunto l'assetto che ancora oggi conserva. Possiede un patrimonio storico-artistico di straordinario valore dovuto a opere come la Maestà di Simone Martini, il Buono e Cattivo Governo di Ambrogio Lorenzetti, oltre a dipinti italiani e stranieri databili tra i secoli XVI e XVIII, ceramiche di manifattura senese comprese tra i secoli XIV e XVIII e altre preziose collezioni. Nella Sala del Consiglio era collocato il Mappamondo girevole dipinto da Ambrogio Lorenzetti nel 1345, costituito da un telaio rotondo girevole ricoperto di materiale leggero e infine perduto.

Sul lato sinistro del Palazzo Pubblico s’innalza la Torre del Mangia che, con i suoi 88 metri di altezza, simboleggiava le libertà comunali e l’affrancamento dal potere feudale, ma che suonò per la prima volta in coincidenza della terrificante epidemia che danneggiò inequivocabilmente l’economia senese chiudendone l’epoca d’oro.

Museo di Storia Naturale dell'Accademia dei Fisiocritici onlus
Siena : Museo di Storia NaturaleL'Accademia delle Scienze di Siena, detta dei "Fisiocritici" (giudici della natura), fu fondata nel 1691 nella "libreria" dello Spedale Santa Maria della Scala di Siena da Pirro Maria Gabbrielli, docente di Medicina e Botanica nell'Ateneo senese. Obiettivo primario dell'Accademia era lo studio dell'origine dei fenomeni naturali attraverso una verifica sperimentale. Trasferita nel 1694 in una sala della Sapienza, sede dell'Università, dopo il disastroso terremoto del 1798 trovò una nuova ubicazione nell'ex Monastero dei Camaldolesi. Considerata una delle società culturali più famose d'Europa, l'Accademia ha avuto tra i soci illustri scienziati come Carlo Linneo, Joseph-Louis Lagrange, Alessandro Volta, Louis Pasteur e molti altri. Il nucleo originario delle collezioni naturali, oggi conservate nel Museo, risale alla metà del XVIII secolo: particolarmente significative sono la raccolta “Paolo Mascagni”, appartenuta al noto studioso che dal 1789 al 1815 presiedette l’Accademia conferendole un maggiore impulso scientifico, con i preparati anatomici realizzati con la tecnica dell’iniezione di mercurio metallico nei vasi linfatici; la collezione "Francesco Valenti-Serini", una vasta raccolta di modelli in terracotta di funghi; la collezione "Francesco Spirito", con preparati anatomici trattati con processo di pietrificazione. Notevole la collezione zoologica, in cui spiccano i Mammiferi marini, raccolti dal 1970 a oggi lungo le coste regionali, e quella geologica, consistente soprattutto in campioni del territorio della Toscana meridionale, frutto di donazioni passate. Nell'Archivio Storico si conservano documenti manoscritti relativi alla vita e alla storia dell'Accademia e, più in generale, alla storia della scienza senese.

Oratorio di San Bernardino e Museo Diocesano d'Arte Sacra
Siena : Oratorio di San Bernardino e Museo Diocesano d'Arte SacraIl nuovo Museo Diocesano di Arte Sacra trova collocazione in alcuni locali adiacenti l'Oratorio di San Bernardino, completamente restaurati per l’occasione nel 1999: luogo dall’atmosfera rarefatta e sospesa, costituisce un punto di riferimento essenziale per la storia dell'arte sacra del territorio. Si possono ammirare tavole del Due-Trecento, tra cui il Maestro di Tressa, Bartolomeo Bulgarini, Luca di Tommè e Taddeo di Bartolo; alcuni affreschi provenienti dalla chiesa di S. Francesco di Pietro e Ambrogio Lorenzetti, di cui si segnala la meravigliosa Madonna del Latte. Seguono le opere del Cinque-Seicento con il Cristo Portacroce del Beccafumi, piccole tavole del Sodoma e del Riccio e alcune opere di Ventura Salimbeni e Bernardino Mei, per finire con una serie di sculture tra qui quelle di Domenico di Niccolò dei Cori e di Antonio Federighi, e con numerosi oggetti d’oreficeria. Cuore del Museo resta l'antica sala rettangolare dell'Oratorio Superiore, con soffitto a cassettoni con teste di cherubini su fondo azzurro: le pareti, interamente affrescate con le Storie della Vergine, offrono un mirabile esempio della pittura senese del primo quarto del Cinquecento rappresentata qui dai suoi protagonisti Girolamo del Pacchia, Sodoma e Beccafumi.

Siena : Orto Botanico e Erbario sienaOrto Botanico e Erbario
L'Orto Botanico e l'Erbario (Sezione Museo Botanico) sono le strutture museali del Dipartimento di Scienze Ambientali, riconosciute a livello internazionale come centri per la conservazione di collezioni storiche e moderne, per la divulgazione, la promozione della cultura scientifica e come supporti, con materiale vivo e conservato, per la ricerca universitaria.

Nel 1588 fu allestito un antico Giardino dei Semplici, assieme all'istituzione della cattedra di "Lettore dei Semplici" presso l'Ospedale di Santa Maria della Scala. Poi, nel 1856, il professore G. Campani, trasferisce il Giardino in via Mattioli e nel 1784 venne trasformato in Orto Botanico dell’Università. Attualmente l'Orto Botanico è situato all'interno della cinta muraria di Siena, occupando parte della valle di S. Agostino; si estende su una superficie di 2,5 ettari per lo più in forte declivio, esposta a Ovest. Tale ubicazione, oltre ad avere un particolare valore scientifico, in quanto permette di conservare specie vegetali di vario genere, da quelle più termofile come la palma nana, a quelle montane, come il faggio e gli abeti; possiede anche una certa valenza storica, poiché vi sono conservate testimonianze architettoniche di pregio. L’Orto Botanico è visitato annualmente da numerosi gruppi italiani e stranieri, che possono su prenotazione richiedere visite guidate. Negli ultimi anni, per le scuole, sono state organizzate visite con personale specializzato su argomenti particolari o seguendo i vari temi dello nostra Offerta Didattica.

L’Erbario è una struttura che raccoglie, cataloga e conserva oltre 80.000 campioni essiccati di piante vascolari, funghi, licheni, muschi, epatiche e alghe. L’Erbario è stato fondato nel 1856 ed oltre a servire da archivio storico delle ricerche geobotaniche svolte nel Dipartimento, conserva i typus delle specie descritte, insieme a campioni di collezioni storiche, donate all'Erbario o recuperate in vecchi monasteri e abitazioni. L’Erbario ha quindi un ruolo fondamentale per studi scientifici applicativi e di ricerca pura, nonché, essendo un museo, è fruibile al pubblico su prenotazione e consultabile su richiesta sul sito erbariitaliani.unipg.it.

I due musei sono inseriti nel portale informatico del sistema museale universitario dell’Ateneo Senese (www.passus.it), nel sito della “Conferenza dei Rettori delle Università Italiane” (www.crui.it). Insieme collaborano con altre Istituzioni scientifiche sia per attività didattiche ed espositive legate direttamente al loro ruolo, che per progetti diversi, come l’informatizzazione a livello nazionale delle collezioni.

Share:

Sistemazioni in zona

  • Agriturismo Marciano Farmhouse Siena Siena Agriturismo Marciano
    L'Agriturismo Marciano: un'opportunità unica, due vacanze in una. Soggiorno in campagna e vita in città. Marciano è situato a ridosso della cinta muraria della medioevale Siena.
    Richiedi disponibilità
  • La Locanda Hotel Radda in Chianti Siena La Locanda
    Il Country Hotel La Locanda nasce dal recupero di un antico podere affacciato sul più bel paesaggio del Chianti Classico fra boschi, ulivi e vigne, a circa 3 chilometri dal bellissimo borgo medievale di Volpaia a Radda in Chianti.
    PRENOTA ONLINE
  • Relais della Rovere Relais Colle Val D'Elsa Siena Relais della Rovere
    Relais Della Rovere è un'affascinante Hotel vicino Siena in una suggestiva location nata dalla ristrutturazione di un'antica abbazia benedettina e di una Villa Papale di epoca rinascimentale.
    PRENOTA ONLINE
  • Cielsereno Farmhouse Casole D'Elsa Siena Cielsereno
    L'Agriturismo Cielsereno si trova a Casole d'Elsa nel centro della Toscana, nel cuore della campagna tra Siena e Firenze, un angolo di paradiso per coloro che amano la natura e il relax.
    PRENOTA ONLINE
  • Agriturismo la Lucciolaia Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo la Lucciolaia
    In un suggestivo ed incontaminato paesaggio collinare, sulla sommità della collina, con vista mozzafiato sulle medioevali torri di San Gimignano, dal quale dista circa 7 Km, si erge L'Agriturismo La Lucciolaia.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Villa il Palagetto Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Villa il Palagetto
    Agriturismo Villa il Palagetto ubicato nelle immediate vicinanze del centro storico della medioevale San Gimignano, nel cuore della emozionante Toscana di collina.
    Richiedi disponibilità
  • B&B la Fornace di Racciano Bed Breakfast San Gimignano Siena B&B la Fornace di Racciano
    La Fornace di Racciano, delizioso Bed and Breakfast a 2 km dal centro storico della medioevale San Gimignano, e' situato in un autentico casale toscano, immerso in un grande giardino fiorito.
    Richiedi disponibilità
  • I Monti Farmhouse Montieri Grosseto I Monti
    Ubicato a Montieri a 500 mt sul mare nel cuore delle Colline Metallifere l'agriturismo I Monti si trova al confine tra la provincia di Grosseto e Siena.
    PRENOTA ONLINE
  • Agriturismo Cesani Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Cesani
    A metà strada tra Siena e Firenze, in una piccola frazione, Pancole, a 6 km dal centro di San Gimignano immersa tra vigneti e oliveti, è ubicata l'Azienda Agricola Biologica Cesani.
    Richiedi disponibilità
  • Marignolle relais & charme Hotel Firenze Florence Marignolle relais & charme
    Il relais di charme Marignolle, adagiato sulle colline di Firenze, la soluzione ideale per chi desidera un luogo di eccellenza e di relax, per chi ama privacy e tranquillit senza rinunciare alle attenzioni e i servizi di un hotel di lusso.
    PRENOTA ONLINE
  • Agriturismo La Valle Farmhouse Montaione Florence Agriturismo La Valle
    Nel cuore della Toscana, a meno di un chilometro dal centro del borgo medievale di Montaione, si trova l'agrituriso la Valle
    Richiedi disponibilità
  • Fignano Villa Montaione Florence Fignano
    Adagiato tra le verdeggianti colline della campagna toscana, a tre chilometri di distanza da Montaione, si trova la struttura turistica Fignano.
    Richiedi disponibilità
  • Il Convento di Monte Pozzali Farmhouse Massa Marittima Grosseto Il Convento di Monte Pozzali
    Il Convento di Monte Pozzali è un antico monastero del XII secolo oggi completamente ristrutturato ed adibito a residenza di campagna di alto livello.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo le Caggiole Farmhouse Montepulciano Siena Agriturismo le Caggiole
    A Montepulciano, in uno spicchio di terra immerso tra secolari lecci e querci , uliveti e vigneti , ecco il Podere Le Caggiole, antica dimora della Famiglia Martinelli e degli ospiti dell'Agriturismo.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo San Ottaviano Farmhouse Monterotondo Marittimo Grosseto Agriturismo San Ottaviano
    Agriturismo San Ottaviano è un piccolo paradiso immerso nell'incantevole natura della Maremma, nel punto in cui si incontrano le provincie di Grosseto, Livorno e Pisa.
    Richiedi disponibilità
  • B&B Giardino dei Sugheri Bed Breakfast Scarlino Grosseto B&B Giardino dei Sugheri
    Il Bed Breakfast il Giardino dei Sugheri è ubicato in Maremma e nasce da un'attenta ristrutturazione di un antico podere toscano.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Casa Italia Farmhouse Lamporecchio Pistoia Agriturismo Casa Italia
    A poca distanza da Vinci, il paese che dette i natali al famoso artista, l'agriturismo Casa Italia vi aspetta per trascorrere le tua vacanza all'insegna del riposo, della natura e della cultura in questa splendida terra.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Catabbiaccio Farmhouse Semproniano Grosseto Agriturismo Catabbiaccio
    L'agriturismo Castello di Catabbiaccio è ubicato nel cuore della maremma grossetana a soli 12 km dalle Terme di Saturnia e a circa 20 km da Sovana, Pitigliano e Sorano.
    Richiedi disponibilità

Mostra sistemazoni su google map


Tombolo Talasso Resort Centro Benessere e Talassoterapia in Toscana Poggio all'Agnello resort mare Toscana Poggio all'Agnello Tombolo Talasso Resort mare Toscana