Arezzo

Scoprire Arezzo ed i suoi monumenti. Turismo ad Arezzo


Arezzo

Arezzo sorge su una collina nella Toscana orientale a ridosso dell'Appennino Tosco-Romagnolo. Come testimonia l'architettura stessa della città, vanta un'origine antichissima che l'ha vista essere una delle maggiori città etrusche e successivamente una strategica città romana. La parte più elevata della città conserva uno spiccato aspetto medievale, dominata dalla Cattedrale e dalla Fortezza Medicea. La Cattedrale, che presenta nel suo aspetto tratti gotici, custodisce pregevoli opere d'arte tra le quali La Maddalena di Piero della Francesca e le vetrate istoriate di Guillaume de Marcillat. Al centro della città Piazza Grande dispiega una vera antologia di stili architettonici. Accanto alle torri medievali, si ergono l'imponente Loggiato Vasariano, una delle più interessanti opere architettoniche rinascimentali; il Palazzo della Fraternita dei Laici, bell'esempio di sintesi di architettura gotica e rinascimentale e l'abside della Pieve di Santa Maria. Piazza Grande, il penultimo sabato di giugno e la prima domenica di settembre, diventa lo scenario della Giostra del Saracino, torneo cavalleresco di origini medioevali. La stessa piazza e gran parte del centro storico ospitano, ogni prima domenica del mese ed il sabato precedente, la Fiera Antiquaria. La cappella Bacci nella Basilica di San Francesco accoglie lo straordinario ciclo di affreschi della Leggenda della Vera Croce di Piero della Francesca, una delle più alte testimonianze della pittura rinascimentale italiana. Nella Chiesa di San Domenico, semplice costruzione a navata unica, si conserva la croce dipinta di Cimabue, opera giovanile dell'artista. Molte altre chiese e palazzi testimoniano con la loro bellezza e la loro originalità stilistica la civiltà aretina e la sua importanza nelle varie epoche storiche. Ricordiamo tra queste la Badia delle Sante Flora e Lucilla, la Chiesa della Santissima Annunziata, edifici come Palazzo Pretorio e Palazzo dei Priori, e a qualche minuto fuori le mura della città, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, la Pieve romanica di Sant'Eugenia al Bagnoro. I musei della città offrono ai visitatori la possibilità di ammirare una varietà di beni di inestimabile valore artistico: il Museo Archeologico Gaio Cilnio Mecenate, il Museo Statale d'Arte Medioevale e Moderna, il Museo e Casa Vasari, la Casa Museo Ivan Bruschi e il Museo Diocesano.

Storia:
Arezzo potrebbe essere stata una delle dodici città etrusche più importanti, la cosiddetta Dodecapolis. Fu descritto da Livio come uno dei Capitae Etruria (le principali città etrusche). Resti etruschi stabiliscono che l'acropoli di San Cornelio, una piccola collina accanto a quella di San Donato, fu occupata e fortificata nel periodo etrusco. Ci sono altre significative testimonianze etrusche, parti di mura, una necropoli etrusca su Poggio del Sole (ancora denominata "Collina del Sole"), e più notoriamente, i due bronzi, la "Chimera di Arezzo" (V secolo aC) e il "Minerva" (IV secolo aC) che furono scoperti nel XVI secolo e portati a Firenze. L'aumento dei legami commerciali con la Grecia portò anche alcuni beni d'élite ai nobili etruschi di Arezzo: il cratere dipinto da Eufronio del 510 aC con una battaglia contro le Amazzoni (nel Museo Civico, Arezzo 1465) è insuperabile.
Arezzo - Tuscany - Cinta muraria di ArezzoConquistata dai Romani nel 311, Arezzo divenne una stazione militare sulla via Cassia, la via per l'espansione della Roma repubblicana nel bacino del Po. Arretium si schierò con Marius nella Guerra Civile Romana, e la vittoriosa Silla piantò una colonia di suoi veterani nella città semidistrutta, come Arretium Fidens ("Fedé Arretium"). La vecchia aristocrazia etrusca non si estinse: Caius Clinius Mecaenas, il cui nome è l'omonimo di "patrono delle arti", era del nobile ceppo etrusco aretino.
La città continuò a prosperare come Arretium Vetus ("Old Arretium"), la terza città più grande in Italia nel periodo augusteo, ben nota in particolare per i suoi manufatti ceramici ampiamente esportati, i caratteristici articoli Arretine modellati e smaltati, bucchero-ware di argilla scura e vasi dipinti di rosso (i cosiddetti vasi "corallo").
Nel III-IV secolo, Arezzo divenne sede episcopale: è una delle poche città la cui successione di vescovi è conosciuta per nome senza interruzione fino ai giorni nostri, in parte perché erano i feudatari della città nel Medioevo . La città romana fu demolita, in parte attraverso la guerra gotica e l'invasione dei Longobardi, in parte smantellata, come altrove in tutta Europa, e le pietre riutilizzate per le fortificazioni dagli Aretini. Rimase solo l'anfiteatro.

Arezzo - Piazza Grande

Il comune di Arezzo abbandonò il controllo del suo vescovo nel 1098. Fino al 1384, Arezzo si manteneva come città-stato indipendente, generalmente di tendenza ghibellina, opponendosi quindi a Guelfi Firenze. Nel 1252 la città fondò la sua università, lo Studium. Dopo la disfatta della battaglia di Campaldino (1289), che vide la morte del vescovo Guglielmino Ubertini, le fortune ghibelline di Arezzo iniziarono a declinare, a parte un breve periodo sotto la famiglia Tarlati, primo fra tutti Guido Tarlati, che divenne vescovo in 1312 e mantenne buoni rapporti con il partito ghibellino. I Tarlati cercarono appoggio in un'alleanza con Forlì e con i suoi signori, gli Ordelaffi, ma invariabilmente: Arezzo cedette alla dominazione fiorentina nel 1384; la sua storia individuale fu sommersa da quella di Firenze e del Granducato mediceo toscano. Durante questo periodo Piero della Francesca lavorò nella chiesa di San Francesco di Arezzo producendo gli splendidi affreschi, recentemente restaurati, che sono le opere più famose di Arezzo, ma in seguito la città iniziò un degrado economico e culturale, che ebbe l'effetto di preservare il suo centro medievale .

Nel XVIII secolo le paludi limitrofe della Val di Chiana, a sud di Arezzo, furono prosciugate e la regione divenne meno malarica. Alla fine del secolo le truppe francesi guidate da Napoleone Bonaparte conquistarono Arezzo, ma la città si trasformò presto in una base di resistenza contro gli invasori con il movimento di "Viva Maria": questo fece guadagnare alla città il ruolo di capoluogo di provincia. Nel 1860 Arezzo divenne parte del Regno d'Italia. Gli edifici della città hanno subito gravi danni durante la seconda guerra mondiale.


Arezzo - Piazza GrandeAttrazioni principali
Piazza Grande
La Piazza Grande è la piazza medievale più degna di nota della città, che si apre dietro l'abside romanica duecentesca di S. Maria della Pieve. Un tempo il principale mercato della città, è attualmente il sito della Giostra del Saracino ("Giostra del Saracino"). Ha una pavimentazione in pendenza in mattoni rossi con linee geometriche calcaree. Oltre all'abside della chiesa, altri punti di riferimento della piazza includono:

Il Palazzo della Fraternita dei Laici: palazzo del XIV-XV secolo, con un piano terra gotico e un secondo piano quattrocento di Bernardo Rossellino.
La Loggia Vasari lungo il lato nord, una facciata manierista piatta disegnata da Giorgio Vasari.
Palazzo episcopale, sede dei vescovi, ricostruito a metà del XIII secolo. L'interno conserva affreschi di Salvi Castellucci, Teofilo Torri e Pietro Benvenuti. Di fronte al Palazzo si trova il Monumento al Granduca Ferdinando I de 'Medici (1595), opera di Pietro Francavilla, su disegno del Giambologna.
Palazzo Cofani-Brizzolari, con la Torre Faggiolana. Si possono vedere anche i resti del Palazzo Comunale e del Palazzo del Popolo.


Chiese
Arezzo churches

La cattedrale gotica di San Donato
(XIII-inizi XVI secolo). La facciata rimase incompiuta e fu aggiunta nel XX secolo. L'interno è a navata unica e navate divise da massicce lesene. La navata sinistra ha un affresco di Piero della Francesca raffigurante la Madeleine. Notevoli sono anche le vetrate medievali, la Cappella Tarlati (1334) e la tomba gotica di Papa Gregorio X.

Basilica di San Francesco
(XIII-XIV secolo), in stile toscano-gotico. Della copertura della facciata proiettata in pietra scolpita è stata completata solo la fascia inferiore. L'interno è a navata unica: l'attrazione principale è il ciclo di affreschi della Storia della Vera Croce (1453-1464) di Piero della Francesca nella Cappella Bacci. Sotto la chiesa c'è un'altra basilica a tre navate (Basilica inferiore), oggi utilizzata per mostre d'arte.
Chiesa romanica di Santa Maria della Pieve
La sua caratteristica più sorprendente è il massiccio campanile a pianta quadrata con doppi ordini di bifore. La chiesa fu costruita nel 12 ° secolo su un preesistente edificio paleocristiano e ristrutturata un secolo dopo con l'aggiunta della caratteristica facciata fatta di logge con archetti sormontati da colonne tutte diverse. Sempre dallo stesso secolo è la lunetta con la Vergine tra due angeli e le sculture dei mesi (1216) sul portale principale. l'interno ha una navata e due navate, con un transetto aggiunto anche nel 13 ° secolo. Nel secolo successivo furono aggiunte cappelle, nicchie e affreschi, tra cui il polittico della Vergine col Bambino e Santi di Pietro Lorenzetti (1320). Nella cripta è un busto della reliquia di St. Donauts (1346). Per la stessa epoca è il fonte battesimale esagonale, con riquadri delle Storie di San Giovanni Battista, di Giovanni d'Agostino. La Pieve fu nuovamente ristrutturata da Giorgio Vasari nel 1560.
Basilica di San Domenico
(fondato nel 1275 e completato all'inizio del 14 ° secolo). L'interno è a una sola navata con un Crocifisso di Cimabue, un capolavoro dell'arte italiana del 13 ° secolo. Altre opere includono un Sts. Filippo e Giacomo il Giovane e Santa Caterina di Spinello Aretino e altre decorazioni pittoriche e scultoree del XIV secolo.

Chiesa di San Michele, con una facciata moderna. All'interno si trovano tracce dell'originale edificio romanico e del restauro gotico.

 
Santa Maria in Gradi è una chiesa medievale dell'XI o XII secolo, ma fu ricostruita alla fine del XVI secolo da Bartolomeo Ammannati. L'interno è a navata unica con altari in pietra (XVII secolo) e una Madonna della Misericordia, terracotta di Andrea della Robbia.

 
Chiesa di Sant'Agostino, fondata nel 1257, modificata tra la fine del XV e la fine del XVIII secolo. La facciata e la decorazione interna sono in gran parte di epoca barocca. Il campanile a pianta quadrata risale al XV secolo.

Arezzo : Monumento a Ferdinando II - ArezzoBadia di SS. Flora e Lucilla (12 ° secolo). Costruito dai monaci benedettini nel 12 ° secolo, fu completamente restaurato nel 16 ° secolo sotto la direzione di Giorgio Vasari. Il campanile ottagonale è del 1650. L'interno, in stile manierista, ha una tela illusionistica raffigurante una falsa cupola di Andrea Pozzo (1702). Ci sono anche un affresco di San Lorenzo di Bartolomeo della Gatta (1476) e un Crocifisso di Segna di Buonaventura (1319).

 
San Lorenzo, una delle più antiche della città, costruita prima dell'anno Mille, molto probabilmente in epoca paleocristiana. Ricostruito nel 13 ° secolo e restaurato nel 1538, è stato completamente rifatto nel 1705. L'esterno dell'abside è in stile romanico.

 
Santa Maria delle Grazie, un santuario tardogotico con portale rinascimentale di Benedetto da Maiano (1490). Ha anche un altare maggiore in marmo di Andrea della Robbia che include un affresco preesistente di Parri di Spinello (1428-1431). Il santuario fu costruito su una fonte dedicata ad Apollo, distrutta da San Bernardino da Siena nel 1428, che costruì un oratorio al suo posto. La chiesa fu eretta nel 1435-1444 e ha una cappella intitolata a San Bernardino.

Santa Maria a Gradi
(1591), un monastero già esistente nel 1043. Ha un interno barocco, ma con un altare opera di un collaboratore di Andrea della Robbia.
Chiesa della Santissima Trinità. Costruito nel 1348, fu completamente rinnovato nel 1723-1748 in stile barocco. Ospita un Crocifisso del XIV secolo, uno stendardo dipinto da Giorgio Vasari nel 1572, un dipinto di Noli me tangere di Alessandro Allori (1584) e altre opere d'arte.
Santa Maria Maddalena, costruita nel 1561 su una struttura pre-14 ° secolo. Ospita una Madonna col Bambino (Madonna della Rosa) di Spinello Aretino, visiile nell'altare maggiore (1525 circa) progettato da Guillaume de Marcillat. Ora è proprietà privata.

Pieve di San Paolo, in San Paolo, eretta come chiesa battesimale paleocristiana, rifatta nell'VIII-IX secolo e poi ricostruita in stile romanico nel XIII secolo. Il campanile è del XIV-XV secolo. L'intera chiesa fu nuovamente rinnovata dopo il terremoto del 1796. Ha conservato il 15 ° affresco di Lorentino d'Andrea e un cyborium. L'ingresso del transetto ha colonne in granito con capitelli in marmo del V secolo d.C.

 
Pieve di Sant'Eugenia al Bagnoro, a Bagnoro. Documentato dal 1012, fu uno dei pievi più importanti della diocesi durante il Medioevo. L'area del presbiterio è del 12 ° secolo, mentre il resto è del 11 ° secolo. Il campanile, parzialmente in rovina, sorge su una delle tre absidi.

 
Pieve di San Donnino a Maiano, al Palazzo del Pero (secoli VI-IX). Documentato dal 1064, sostituì una chiesa battesimale paleocristiana. La parte fronale fu ricostruita nel 14 ° secolo. L'abside ha affreschi del XV secolo e una Madonna in legno con Bambino della stessa età.


Palazzo Albergotti - ArezzoAltri
Anfiteatro romano e museo.
Palazzo dei Priori, eretto nel 1333, è stato sede delle magistrature della città fino ad oggi. L'edificio fu più volte restaurato e rinnovato; l'interno ha una corte del XVI secolo, una statua in pietra raffigurante una Madonna col Bambino (1339), affreschi, busti di illustri Aretini, due dipinti di Giorgio Vasari. La torre quadrata è del 1337.

 
Fortezza Medicea (Fortezza Medicea), progettata da Antonio da Sangallo il Giovane e completata nel 1538-1560. E 'stato parzialmente smantellato dai francesi all'inizio del XIX secolo.

 
Palazzo Camaiani-Albergotti (XIV secolo, ristrutturato nel XVI secolo), con la Torre della Bigazza.

Palazzo Bruni-Ciocchi
, Edificio rinascimentale attribuito a Bernardo Rossellino. È sede del Museo statale di arte medievale e moderna.

 
Palazzo Pretorio, che fu sede del Capitano del Popolo fino al 1290. La facciata presenta stemmi dei capitani, podestà e commissari della città dal XIV al XVIII secolo. Rimane solo una delle due torri originali.

 
Casa del Petrarca (Casa del Petrarca).

Casa Vasari
(in Via XX Settembre) una vecchia casa ricostruita nel 1547 da Giorgio Vasari e affrescata da lui; ora aperto come museo, contiene anche archivi del XVI secolo.
Casa e Museo Ivan Bruschi (Casa-Museo "Ivan Bruschi").

 
Museo Archeologico Gaio Cilnio Mecenate.

 
Museo Civico di Arte Moderna e Contemporanea.

festival
Arezzo ospita una festa medievale annuale chiamata Giostra dei Saraceni (Giostra del Saracino). In questo, "cavalieri" a cavallo che rappresentano diverse aree della città si caricano su un bersaglio di legno attaccato a un intaglio di un re saraceno e ottengono punti in base alla precisione. Praticamente tutte le persone della città si vestono in costume medievale e si rallegrano entusiasticamente dei concorrenti.


Arezzo: da vedere nei dintorni

  • Turismo Arezzo Turismo Arezzo
    Il territorio del comune di Arezzo è molto ampio e vario.Si va dalla pianura che si apre sulla Val di Chiana e sull'Arno, alle colline, a sud della città, a zone montuose, soprattutto nella parte orientale.
    Scopri di più
  • Capolona Capolona (11 km)
    Capolona si estende lungo le propaggini montuose che determinano l'ansa dove l'Arno e la porta d'ingresso al Casentino.
    Scopri di più
  • Subbiano Subbiano (12 km)
    Subbiano è una piacevole sosta a pochi chilometri dalla città, permette escursioni veloci sia culturali che ambientali.
    Scopri di più
  • Castiglion Fiorentino Castiglion Fiorentino (14 km)
    L'area di Castiglion Fiorentino fu abitata fin dall'epoca preistorica e protostorica. Il nucleo abitato si sviluppò in epoca etrusco e quello ellenistico.
    Scopri di più
  • La Valtiberina La Valtiberina (17 km)
    L'Alta valle del Tevere, o Valtiberina, è il lembo più orientale della Toscana e trae il nome dal fiume che l'attraversa in tutta la sua lunghezza, fino al confine con l'Umbria.
    Scopri di più
  • Anghiari Anghiari (17 km)
    Anghiari è uno splendido borgo medioevale situato nel territorio disegnato dallo scorrere dei fiumi Tevere ed Arno.
    Scopri di più
  • La Val Sovara La Val Sovara (17 km)
    La valle del Sovara si sviluppa lungo l'omonimo torrente che, dopo aver lasciato il versante sud-ovest dell'Alpe di Catenaia, costeggia il complesso dei Monti Rognosi facendosi spazio tra le rocce ofiolitiche.
    Scopri di più
  • La Valdichiana La Valdichiana (19 km)
    Quella della Valdichiana è la più vasta delle valli appenniniche con oltre 500 chilometri quadrati di ben ordinate colture
    Scopri di più
  • Monte San Savino Monte San Savino (19 km)
    Monte San Savino è la patria del grande scultore rinascimentale Andrea Contucci detto il Sansovino e di Papa Giulio III.
    Scopri di più
  • Cortona Cortona (23 km)
    Cortona dai suoi 600 metri d'altezza domina l'intera Valdichiana e lo sguardo si perde all'orizzonte fino a scovare le cime dell'Amiata.
    Scopri di più
  • Lucignano Lucignano (24 km)
    Lucignano è uno dei centri più interessanti della Toscana per l'originale impianto castellano a pianta ellittica, racchiuso da mura con torri.
    Scopri di più
  • Foiano della Chiana Foiano della Chiana (24 km)
    Antichissime le origini di Foiano della Chiana e della sua frazione Pozzo, che tra il VI e il IV secolo a.C. vedono la presenza di insediamenti etruschi.
    Scopri di più
  • Il Sentiero della Bonifica Il Sentiero della Bonifica (24 km)
    Il Sentiero della Bonifica è un percorso di circa 62 km attrezzato in Valdichiana e protetto per chi viaggia lentamente, in bici o a piedi.
    Scopri di più
  • Sansepolcro Sansepolcro (24 km)
    Posta ai piedi dell'ultimo tratto dell'Appennino toscano, Sansepolcro domina l'Alta valle del Tevere, che si apre in un vasto anfiteatro montano e collinare.
    Scopri di più
  • Loro Ciuffenna Loro Ciuffenna (25 km)
    Loro Ciuffenna era un borgo fortificato alla confluenza di due torrenti attraversati da due ponti in corrispondenza di due porte nelle mura di cinta
    Scopri di più
  • Terranuova Bracciolini Terranuova Bracciolini (26 km)
    Terranuova Bracciolini è l'ultima terra murata costruita da Firenze, conserva ancora le antiche mura e le torri della sua fondazione.
    Scopri di più

Sistemazioni in zona


    • Montepulciano (Siena)
    • 39 km da Arezzo

    Agriturismo le Caggiole

    A Montepulciano, in uno spicchio di terra immerso tra secolari lecci e querci , uliveti e vigneti , ecco il Podere Le Caggiole, antica dimora della Famiglia Martinelli e degli ospiti dell'Agriturismo.
    In un'atmosfera quasi irreale di pace e serenita' a disposizione degli ospiti tre confortevoli e silenziose camere con servizi privati e due accoglienti appartamenti da 2 posti letto e per piccole famiglie.

    Richiedi disponibilità


    • Siena (Siena)
    • 49 km da Arezzo

    Agriturismo Marciano

    L'Agriturismo Marciano: un'opportunità unica, due vacanze in una: soggiorno in campagna e vita in città. Marciano è situato a ridosso della cinta muraria della medioevale Siena.
    5 confortevoli ed amene camere doppie ed una suite. Un piccolo angolo di paradiso tra i nostri vigneti e oliveti dove potrete rilassarvi e rinfrancare il corpo e lo spirito.

    Richiedi disponibilità


    • Colle Val D'Elsa (Siena)
    • 61 km da Arezzo

    Relais della Rovere

    Relais Della Rovere è un'affascinante Hotel vicino Siena in una suggestiva location nata dalla ristrutturazione di un'antica abbazia benedettina e di una Villa Papale di epoca rinascimentale.
    L’Hotel Relais Della Rovere è immerso nella campagna Toscana, a Colle Val d'Elsa, in una delle zone più conosciute della Toscana: il Chianti.

    Prenota ONLINE


    • Firenze (Firenze)
    • 62 km da Arezzo

    Marignolle relais & charme

    Il relais di charme Marignolle, adagiato sulle colline di Firenze, è la soluzione ideale per chi desidera un luogo di eccellenza e di relax, per chi ama privacy e tranquillità senza rinunciare alle attenzioni e i servizi di un hotel di lusso.
    Marignolle Relais & Charme è particolarmente apprezzato dai viaggiatori che cercano stile e tradizione offrendo camere de luxe o junior suite in un ambiente raffinato, con comfort superiori e servizi impeccabili.

    Prenota ONLINE


    • San Gimignano (Siena)
    • 65 km da Arezzo

    Agriturismo la Lucciolaia

    In un suggestivo ed incontaminato paesaggio collinare, sulla sommità della collina, con vista mozzafiato sulle medioevali torri di San Gimignano, dal quale dista circa 7 Km, si erge L'Agriturismo La Lucciolaia.
    Un antico podere, recentemente e finemente ristrutturato, che offre ospitalità agrituristica in undici camere matrimoniali e due Suite.

    Richiedi disponibilità


    • Colle Val D'Elsa (Siena)
    • 66 km da Arezzo

    La Pieve

    Agriturismo La Pieve, casale di charme situato sulle colline della Val d'Elsa, tra Volterra e San Gimignano, lungo la via Francigena, nel cuore della campagna toscana, ricca di elementi naturali e testimonianze storiche.
    Incorniciato da ulivi e da un bosco ben curato permette un dialogo diretto con la natura ed il relax. Una vacanza piacevole, dove ci sia spazio per la contemplazione, per il silenzio e il godere di spazi privati e unici.

    Richiedi disponibilità


    • San Gimignano (Siena)
    • 68 km da Arezzo

    Agriturismo Villa il Palagetto

    Agriturismo Villa il Palagetto ubicato nelle immediate vicinanze del centro storico della medioevale San Gimignano, nel cuore della emozionante Toscana di collina.
    Offre ospitalità in sei camere matrimoniali e due Suite dotate di moderni servizi privati

    Richiedi disponibilità


    • San Gimignano (Siena)
    • 69 km da Arezzo

    B&B la Fornace di Racciano

    La Fornace di Racciano, delizioso Bed and Breakfast a 2 km dal centro storico della medioevale San Gimignano, e' situato in un autentico casale toscano, immerso in un grande giardino fiorito.
    La Fornace di Racciano accoglie i suoi ospiti in sette confortevoli camere e quattro appartamenti, di cui due nel centro dell'antico borgo di Racciano.

    Richiedi disponibilità


    • San Gimignano (Siena)
    • 71 km da Arezzo

    Agriturismo Cesani

    A metà strada tra Siena e Firenze, in una piccola frazione, Pancole, a 6 km dal centro di San Gimignano immersa tra vigneti e oliveti, è ubicata l'Azienda Agricola Biologica Cesani.
    10 semplici, ma confortevoli camere e un panoramico appartamento, dove potrete scoprire un prezioso angolo di Toscana fuori dai soliti circuiti del turismo di massa e alla riscoperta di sapori e saperi tradizionali.

    Richiedi disponibilità


    • Fucecchio (Firenze)
    • 97 km da Arezzo

    Relais Hotel Vedute

    Relais Hotel Vedute a Fucecchio è immerso nel verde della campagna Toscana in una posizione strategica per raggiungere Firenze, Lucca, Pistoia, Pisa e Siena.
    Centro benessere Aquamor Ayurvedic & Thai Spa offre trattamenti ayurvedici e thai per il benessere del corpo e della mente.

    Richiedi disponibilità


    • Castagneto Carducci (Livorno)
    • 110 km da Arezzo

    Podere Vignanova

    Podere Vignanova, little charming resort in Toscana, uno degli angoli più incantevoli della Costa degli Etruschi tra vigneti ed il mare.
    A disposizione degli ospiti 4 confortevoli appartamenti e 4 deliziose Suite arredate in uno stile moderno ma che mantiene traccia dello stile rustico toscano creando un ambiente ricercato, armonioso e assolutamente attuale.

    Richiedi disponibilità


    • Castiglione della Pescaia (Grosseto)
    • 115 km da Arezzo

    Villa Roccamare Castiglione della Pescaia 12 beds

    Bella e caratteristica villa con finiture in pietra ubicata nell'esclusiva zona di Roccamare del Comune di Castiglione della Pescaia.
    Immersa tra il verde della pineta e la totale privacy con 2000 metri di parco attrezzato con zona relax e barbecue si trova a circa 400 metri dal mare e dispone di una spiaggia privata.

    Richiedi disponibilità


    • Castiglione della Pescaia (Grosseto)
    • 117 km da Arezzo

    Villa Punta Ala 9 beds pool

    Splendida villa con piscina immersa nel verde e nella tranquillità dell'esclusiva meta turistica Punta Ala e piccola mansarda adibita al personale di servizio a soli 300 metri dal mare della Toscana.
    Questa soluzione ideale per coloro che vogliono trascorrere le loro vacanze vicino allo splendido mare di Punta Ala con i confort di una villa esclusiva.

    Richiedi disponibilità


    • Lucca (Lucca)
    • 117 km da Arezzo

    Historic Villa Lucca 12 beds pool

    Villa storica a circa 14 km dal centro di Lucca immersa nel verde dei vigneti e degli uliveti toscani dispone di piscina privata ed ampio parco.
    Disposta su 350 mq in posizione dominante offre un panorama unico sulle colline della Toscana.

    Richiedi disponibilità


    • Massarosa (Lucca)
    • 131 km da Arezzo

    Stone Farmhouse Massarosa 8 beds pool

    Casale in pietra in stile tipico toscano sapientemente ed elegantemente ristruttturato in posizione dominante sulle colline di Massarosa con spettacolare vista che arriva fino al mare della Toscana. Il casale dispone di piscina con idromassaggio.
    Soluzione perfetta per chi è alla ricerca della Toscana autentica soggiornando in collina ma non lontano dal mare della Versilia.

    Richiedi disponibilità



Tuscany Villas immobili di lusso in vendita in Toscana