Agriturismo Le Caggiole San Gimignano Bed Breakfast La Fornace di Racciano  San Gimignano - Siena Agriturismo Cesani San Gimignano - Siena Relais della Rovere hotel relais colle val d'elsa Siena La Lastra Siena Visita delle cantine e degustazione vino con light-lunch

Gambassi Terme

Il territorio di Gambassi Terme risulta abitato almeno fin dal periodo neolitico, come attestano le schegge ritoccate in diaspro rosso rinvenute in alcune località.


Gambassi TermeBreve storia
Il territorio di Gambassi risulta abitato almeno fin dal periodo neolitico, come attestano le schegge ritoccate in diaspro rosso rinvenute in alcune località (Gambassi, Camporbiano, Boscotondo, Santa Cristina). Ma il periodo di maggior popolamento della zona si registra dall'epoca etrusco-arcaica (VII sec. a. C.) fino all'epoca tardo-romana (III sec. d. C.). In effetti, nell'area archeologica di Poggio all'Aglione sono state individuate sia tombe che tracce di insediamenti attribuibili a questo arco di tempo. Ma testimonianze etrusco-ellenistiche si segnalano, tra l'altro, anche a Pergola, al Leccione, a Santa Cristina, a Paletro a Riparotta ed a Germagnana, mentre reperti tardo-romani sono stati trovati a Boscotondo, a Camporbiano, a Luiano, alla Pievina, a Catignano e nelle zona del Castagno. Recentemente sono messi in luce a Germagnana i resti di una vetreria medievale attiva intorno al 1300, consistente in una fornace da "fritta" (vetro non ancora puro) e quattro fornaci da lavorazione. L'insieme formava un piccolo insediamento artigianale dove abitavano e lavoravano alcuni dei "bicchierai" di Gambassi, famosi e richiesti in tutta l'Italia. Le indagini archeologiche hanno censito molti altri siti nel territorio e nel capoluogo, dove tra medioevo ed epoca moderna i vetrai esercitavano il loro mestiere. L'esistenza di questa importante attività artigianale era conosciuta già attraverso le fonti scritte, ma solo ora conosciamo anche i luoghi, le fornaci ed i prodotti (bicchieri e bottiglie). I reperti archeologici sono raccolti nel Palazzo Civico e nelle sede del Gruppo Archeologico ed in parte esposti in una mostra permanente.

La prima attestazione scritta che riguarda il castello di Gambassi risale al 1037, quando Guido del fu Ranieri cedeva al vescovo di Volterra Gottifredo una porzione di quanto in esso vi possedeva. Tramite successive donazioni (importante è quella dell'ultimo dei conti Cadolingi, nel 1115), il castello di Gambassi si consolida "allodio" (proprietà) dei vescovi volterrani fino alla fine del XII secolo. Nel periodo che va dal 1172 al 1183, accanto al castrum vetus del vescovo, sorge un castrum novum, nel quale si organizza un comune. È a cavallo dei secoli XII e XIII che gli uomini di Gambassi vivono un periodo di relativa "autonomia", giungendo ad eleggere propri rettori (1209) e ad affrontare i contrasti sorti fra i Lambardi (piccola nobiltà rurale) e il "popolo" (1224-1226). Nel corso della prima metà del '200, il comune di San Gimignano riuscì, di fatto, ad includere il territorio gambassino nel suo distretto, suscitando continue rivendicazioni da parte dei vescovi volterrani, che spesso sfociarono in vere e proprie guerre (soprattutto nel 1230 e nel 1278-1281). Nel 1294, l'invadenza inarrestabile di Firenze, penetrata oltre l'Elsa, porrà fine a tutte le controversie, inglobando nel suo contado il castello di Gambassi. Associato quindi ad altri comuni vicini, venne eletto a Podesteria, con facoltà di governarsi con propri statuti, che furono compilati nel 1322.

Visitare Gambassi Terme e i suoi dintorni
Tutta l’organizzazione civile di questo territorio della media Valdelsa risentì, della consistente presenza delle direttrici viarie che lo tagliarono in lungo e in largo. Numerosi furono i castelli che sorsero lungo queste strade, soprattutto nei punti in cui si intersecavano. Per questa area, più che per altre, possiamo senz’altro affermare che quella stradale fu la principale caratteristica dell’incastellamento. Fu soprattutto la famiglia comitale dei Cadolingi, fin dai tempi del conte Cadolo, a perseguire una politica tesa al controllo di quella che, all’epoca, fu una delle principali direttrici viarie: la via Francigena. Come abbiamo sopra accennato, solo in territorio gambassino ben sei erano i castelli, molti dei quali di proprietà cadolingia, che si collocavano lungo questa direttrice sud-est/nord-ovest. Altri quattro castelli si situarono lungo le ‘Volterrane’. Soprattutto i castelli che più degli altri mantennero, oltre alla forma insediativa fortificata, una rilevante posizione economica e demografica, dovettero la loro affermazione sicuramente in relazione alla loro posizione strategica occupata lungo le principali strade di transito medievali che attraversavano la Valdelsa. Camporbiano di trovava nei pressi della confluenza della strada da San Gimignano per Pisa con una ‘Volterrana’ proveniente da Certaldo-San Vittore; Montignoso, sulla confluenza della strada per Pisa con la Volterrana nord; Gambassi sulla confluenza della Francigena ‘di costa’ con la Volterrana nord; Catignano fra il tracciato di ‘mezza costa’ (Gavignalla-Varna) e quello di valle (sulla riva sinistra dell’Elsa) della Francigena.

Gli insediamenti che in territorio gambassino assunsero la forma incastellata furono (in ordine di comparsa nelle fonti scritte):

Camporbiano
Il primo ricordo risale al 977. Appartenne ai Cadolingi e nel 1115, dopo l’estinzione della famiglia, passò ai vescovi Volterrani, fino a quando, agli inizi del XIII secolo, entrò nell’orbita sangimignanese. Alla fine del XIII secolo fu annesso al contado fiorentino.
Del castello rimangono alcuni resti sommitali, forse riferibili al cassero.

Gambassi vetus
È attestato per la prima volta nel 1037: Guido di Ranieri collaterale dei Carolingi vendette alcuni suoi diritti e proprietà alla chiesa volterrana. Anche questo castello, con la morte dell'ultimo Cadolingio passò ai vescovi, che lo considerarono sempre loro ‘allodio e demanio speciale’. Fu distrutto dai sangimignanesi verso la fine del XIII secolo, nel corso di una lunga lite che li oppose al vescovo volterrano. In questo periodo era chiamato Gambassino per distinguerlo dal castrum novum di Gambassi.
Il sito dove sorgeva il castello rimane tuttora sconosciuto.

Catignano
Il primo documento che attesta la presenza di un castello a Catignano è del 1075. Come luogo detto è attestato fin dal 1008. Appartenuto ai Cadolingi, passò nel 115, al pari di molti altri castelli valdelsani, alla chiesa volterrana. Ma sul castello continuarono a detenere alcuni diritti quelli che verranno definiti nobiles di Catignano. Nel corso del XIII secolo pur sotto l’influenza di San Gimignano, mantenne più degli altri castelli una relativa autonomia. Anch’esso nel 1294 fu inserito nel contado fiorentino.

Del castello rimangono notevoli strutture del cassero, con due torri mozze in laterizio ancora in elevato.

Macie
Il castello è ricordato un’unica volta nel 1104 come «castello de le Macieie».
Problematica rimane ancora la sua individuazione sul territorio, si trovava comunque nei pressi di Luiano.

Germagnana
Anche questo castello, nella forma insediativa fortificata, viene ricordato una sola volta nel 1104: «turre et castello de Germagnano». Nel corso del ‘200 troviamo, ricordata presso la villa di Germagnana, la località ‘Castellare’, termine che designa i castelli abbandonati o trasformati in villaggi aperti.
Un piccolo rilievo con dei muri affioranti di fronte alla chiesa di Santa Cristina potrebbe contenere i resti del castello.

Riparotta
Anche il Riparotta è di fragile attestazione: in due soli atti (nel 1106 e nel 1115) viene ricordato come castello. Di proprietà dei Cadolingi nel 1115 passa alla chiesa volterrana. Al pari di Germagnana, nel corso del ‘200 è ricordato presso la villa di Riparotta il toponimo ‘Castellare’.
Un rilievo con la sommità spianata alle spalle della località ‘le Case’ presso Riparotta contiene con ogni probabilità i resti del castello.

Arsiccio
Viene nominato un’unica volta nella solita esecuzione testamentaria dell’ultimo cadolingio nel 1115. In seguito lo troviamo ridotto a villa.
Uno dei due rilievi ai lati della località San Michelino può contenere i resti del castello.

Montignoso
Il primo ricordo di Montignoso è del 1136. Volterra e San Gimignano si conteso a più riprese il castello tra la fine del XII e il XIII secolo. Alcuni nobiles detennero diritti gurisdizionali su Montignoso, che in più occasioni cederono, mediante atti di sottomissione, al comune sangimignanese. Nel 1294 Montignoso fu annesso con tutto il suo territorio nel contado fiorentino. Intorno alla metà del XVI secolo risulta come distrutto e abbandonato. Nel corso del medioevo Montignoso ebbe una rilevante importanza strategica, in quanto posto sulla confluenza della strada per Pisa con la Volterrana nord. Infatti «i lambardi di Montignoso ... riuscirono in parte ... a conservare la propria autonomia e a sfruttare, con la gabella del passo» la posizione del loro castello.

Del castello rimangono i resti del cassero e un tratto della cerchia muraria addossata alla chiesa di San Frediano.

Gambassi novum
Il castrum novum di Gambassi fu edificato dal vescovo volterrano Ugo negli anni ‘70 del XII secolo, dietro richiesta del nascente comune. Molti dei diritti sul castello, nonostante appartenessero nominalmente al vescovo, furono detenuti da una importante famiglia di nobiles o lambardi detta dei Tignosi. Dopo un breve periodo di relativa ‘autonomia’ dai maggiori poteri presenti sul territorio, gravitò sempre più nell’orbita sangimignanese, finché non gli si sottomise formalmente nel 1268. Ciò provocò innumerevoli rivendicazioni da parte dei vescovi volterrani, che sfociarono in vere e proprie liti come nel 1230 o nel 1270-1283. Nel 1294 gli uomini di Gambassi furono costretti a sottomettersi definitivamente al comune di Firenze. Di tutti i castelli presenti su territorio è quello che ha mantenuto più a lungo la forma insediativa fortificata, giunta integra perlomeno fino ai primi del XIX secolo.
L’attuale ‘centro storico’ di Gambassi conserva ancora molti resti di strutture medievali.

Gavignalla
Il castello viene ricordato un’unica volta nel 1236.I resti del castello potrebbero essere contenuti dal poggio lungo la via Certaldese presso la significativa località ‘la Porta’.

Montefani
Pure il «castro Montefani» è ricordato una sola volta, nel 1272.
Il toponimo è scomparso ma possiamo con tutta probabilità localizzarlo sul rilievo detto Poggio Tondo, che conserva ancora i resti di strutture murarie interrate.

Gambassi Terme : Pieve di ChianniLa Pieve di Chianni

La pieve di Chianni è uno dei monumenti più significativi dell’edilizia romanica valdelsana. Nonostante le trasformazioni e i restauri di cui è stata oggetto nel corso dei secoli, si presenta come un edificio tardo romanico di grande interesse. L’impianto basilicale a tre navate si innesta su un ampio transetto sporgente, nella cui parete terminale si aprivano in origine cinque absidi semicircolari, essendo stata quella centrale sostituita intorno agli anni ‘20 del XVI secolo da una scarsella quadrilatera (le formelle in terracotta della volta sono probabilmente opera delle fornaci dei Gagni di Gambassi). Durante i restauri di fine anni ‘50 di questo secolo furono messi in luce elementi di fondazione dell’abside semicircolare romanica (visibili con ingresso dalla sacrestia). Da notare la particolarità delle quattro absidi minori ricavate nello spessore della parete terminale, secondo una tipologia che si riscontra nel Duomo di Volterra. Le navate sono separate da sei archeggiature di valico per ogni parte, sostenute da colonne non tutte monolitiche ma dalla èntasi assai accentuata, la cui diversa altezza viene compensata da una adeguata dimensione dei plinti. Le colonne terminali assumono i connotati di robusti pilastri a sezione circolare, dovendo sostenere il carico anche delle archeggiature trasversali che separano e, al tempo stesso, raccordano le tre navate con il corpo trasversale del transetto. Questo, costituito da un ampio vano, è leggermente sopraelevato rispetto al piano della chiesa (vi si accede oggi con due gradini); alle pareti sono addossare semicolonne senza funzione portante. La copertura della chiesa ha in vista la struttura lignea del tetto, ma le capriate della navata maggiore poggiano su un cornicione in cotto che sembra indicare un rifacimento successivo della copertura, accompagnato da un rialzamento delle pareti di elevazione. La chiesa prende luce da una finestra nella parte superiore della facciata e da quelle che si aprono nelle pareti perimetrali e di sopraelevazione dalla navata, anche se diverse di esse sono oggi tamponate data la presenza di edifici addossati. Finestrelle a doppia strombatura sono anche nelle absidi del transetto e nella parete al di sopra di queste (fatta eccezione per l’ultima a sinistra), così come nelle testate dei due bracci. Il rivestimento murario della chiesa è attuato con regolari filaretti di bozze ben squadrate di arenaria, seppure con varie manomissioni per restauri e rifacimenti. Fanno eccezione le pareti della navata centrale che, al di sopra delle archeggiature, presentano sulle due facce un rivestimento in cotto. Ciò ha dato adito a diverse ipotesi, come la ricostruzione a seguito di un crollo o, forse più verosimilmente, tempi diversi di costruzione, considerando che le archeggiature appaiono essere quelle originali e che le parti in cotto mostrano di appartenere anch’esse alla cultura romanica.


Gambassi Terme: da vedere nei dintorni

  • Montaione Montaione (4 km)
    Mel semplice impianto urbano di Montaione, costituito da tre strade parallele, è in particolare evidenza il Palazzo Pretorio sulla cui facciata si conservano ancora numerosi stemmi, in pietra e terracotta invetriata, degli antichi podestà.
    Scopri di più
  • San Vivaldo San Vivaldo (4 km)
    Il convento di San Vivaldo è situato tra le verdi colline della campagna Toscana a 450 metri sul livello del mare nel comune di Montaione, in provincia di Firenze.
    Scopri di più
  • Certaldo Certaldo (7 km)
    Certaldo è una cittadina di vario interesse culturale e storico. La sua origine è indubbiamente etrusca anche se il suo sviluppo prende il via al tempo del primo medioevo.
    Scopri di più
  • Castelfiorentino Castelfiorentino (8 km)
    Immerso tra le verdi colline toscane, Castelfiorentino è una ridente cittadina della provincia di Firenze.
    Scopri di più
  • San Gimignano San Gimignano (11 km)
    Sede di un piccolo villaggio etrusco del periodo ellenistico San Gimignano inziò la sua storia intorno al X secolo prendendo il nome del Santo Vescovo di Modena.
    Scopri di più
  • Montespertoli Montespertoli (15 km)
    Il territorio del Comune di Montespertoli ebbe in passato un ruolo di rilievo per il suo assetto viario che permetteva a Firenze di svolgere i suoi commerci in direzione di Volterra e Siena
    Scopri di più
  • Palaia Palaia (17 km)
    Palaia è un centro agricolo situato su uno dei più alti crinali che dividono la valle d'Arno dalla Valdera.
    Scopri di più
  • Volterra Volterra (17 km)
    La città di Volterra e il suo splendido circondario sono, probabilmente, in Toscana, una delle realtà più diversificate e ricche di attrazioni.
    Scopri di più
  • Poggibonsi Poggibonsi (17 km)
    L'affascinante borgo di Poggibonsi immerso nel cuore della Val d'Elsa è uno dei classici luoghi della Toscana da sogno.
    Scopri di più
  • Castello di Staggia Castello di Staggia (17 km)
    Il castello di Staggia a Poggibonsi era strettamente legato ad Abbadia ad Isola e collocato su un importante percorso sulla Via Francigena.
    Scopri di più
  • Barberino Val D'elsa Barberino Val D'elsa (17 km)
    La terra di Barberino Val D'elsa, pulsante di storia e leggende, si trova nel cuore della Toscana, tra Firenze e Siena.
    Scopri di più
  • San Miniato San Miniato (18 km)
    San Miniato è terra di insediamento etrusco e poi romano, come testimoniano gli scavi di una necropoli del III secolo a.C. in località Fontevivo e quelli di una villa romana in località Antonini.
    Scopri di più
  • Colle Val d'Elsa Colle Val d'Elsa (19 km)
    Colle di Val d’Elsa è situata nel cuore della Toscana, in una posizione strategicamente favorevole, vicino alle città di Siena, Firenze e Volterra, sul percorso della via Francigena,
    Scopri di più
  • La Valdelsa La Valdelsa (19 km)
    Il territorio della Valdelsa rappresenta per coloro che intendano trascorrere una vacanza in Toscana un posto per riscoprire ricchezze naturali, paesaggistiche e gastronomiche di indiscusso valore.
    Scopri di più
  • Parco fluviale dell'Alta Valdelsa Parco fluviale dell'Alta Valdelsa (19 km)
    Il percorso di questo itinerario, detto Sentierelsa, inizia a Gracciano, a sud dell'abitato di Colle di Val d'Elsa,per 2 km fino ad arrivare alla località di San Giorgio.
    Scopri di più
  • La Valdera La Valdera (19 km)
    Il Parco della Valdera comprende sei comuni: Capannoli, Lajatico, Peccioli, Palaia e Terricciola.
    Scopri di più

Sistemazioni in zona


    • San Gimignano (Siena)
    • 6 km da Gambassi Terme

    Agriturismo Cesani

    A metà strada tra Siena e Firenze, in una piccola frazione, Pancole, a 6 km dal centro di San Gimignano immersa tra vigneti e oliveti, è ubicata l'Azienda Agricola Biologica Cesani.
    10 semplici, ma confortevoli camere e un panoramico appartamento, dove potrete scoprire un prezioso angolo di Toscana fuori dai soliti circuiti del turismo di massa e alla riscoperta di sapori e saperi tradizionali.

    Richiedi disponibilità


    • San Gimignano (Siena)
    • 11 km da Gambassi Terme

    B&B la Fornace di Racciano

    La Fornace di Racciano, delizioso Bed and Breakfast a 2 km dal centro storico della medioevale San Gimignano, e' situato in un autentico casale toscano, immerso in un grande giardino fiorito.
    La Fornace di Racciano accoglie i suoi ospiti in sette confortevoli camere e quattro appartamenti, di cui due nel centro dell'antico borgo di Racciano.

    Richiedi disponibilità


    • San Gimignano (Siena)
    • 11 km da Gambassi Terme

    Agriturismo Villa il Palagetto

    Agriturismo Villa il Palagetto ubicato nelle immediate vicinanze del centro storico della medioevale San Gimignano, nel cuore della emozionante Toscana di collina.
    Offre ospitalità in sei camere matrimoniali e due Suite dotate di moderni servizi privati

    Richiedi disponibilità


    • San Gimignano (Siena)
    • 11 km da Gambassi Terme

    Agriturismo la Lucciolaia

    In un suggestivo ed incontaminato paesaggio collinare, sulla sommità della collina, con vista mozzafiato sulle medioevali torri di San Gimignano, dal quale dista circa 7 Km, si erge L'Agriturismo La Lucciolaia.
    Un antico podere, recentemente e finemente ristrutturato, che offre ospitalità agrituristica in undici camere matrimoniali e due Suite.

    Richiedi disponibilità


    • Colle Val D'Elsa (Siena)
    • 17 km da Gambassi Terme

    La Pieve

    Agriturismo La Pieve, casale di charme situato sulle colline della Val d'Elsa, tra Volterra e San Gimignano, lungo la via Francigena, nel cuore della campagna toscana, ricca di elementi naturali e testimonianze storiche.
    Incorniciato da ulivi e da un bosco ben curato permette un dialogo diretto con la natura ed il relax. Una vacanza piacevole, dove ci sia spazio per la contemplazione, per il silenzio e il godere di spazi privati e unici.

    Richiedi disponibilità


    • Colle Val D'Elsa (Siena)
    • 19 km da Gambassi Terme

    Relais della Rovere

    Relais Della Rovere è un'affascinante Hotel vicino Siena in una suggestiva location nata dalla ristrutturazione di un'antica abbazia benedettina e di una Villa Papale di epoca rinascimentale.
    L’Hotel Relais Della Rovere è immerso nella campagna Toscana, a Colle Val d'Elsa, in una delle zone più conosciute della Toscana: il Chianti.

    Prenota ONLINE


    • Fucecchio (Firenze)
    • 30 km da Gambassi Terme

    Relais Hotel Vedute

    Relais Hotel Vedute a Fucecchio è immerso nel verde della campagna Toscana in una posizione strategica per raggiungere Firenze, Lucca, Pistoia, Pisa e Siena.
    Centro benessere Aquamor Ayurvedic & Thai Spa offre trattamenti ayurvedici e thai per il benessere del corpo e della mente.

    Richiedi disponibilità


    • Firenze (Firenze)
    • 31 km da Gambassi Terme

    Marignolle relais & charme

    Il relais di charme Marignolle, adagiato sulle colline di Firenze, è la soluzione ideale per chi desidera un luogo di eccellenza e di relax, per chi ama privacy e tranquillità senza rinunciare alle attenzioni e i servizi di un hotel di lusso.
    Marignolle Relais & Charme è particolarmente apprezzato dai viaggiatori che cercano stile e tradizione offrendo camere de luxe o junior suite in un ambiente raffinato, con comfort superiori e servizi impeccabili.

    Prenota ONLINE


    • Siena (Siena)
    • 37 km da Gambassi Terme

    Agriturismo Marciano

    L'Agriturismo Marciano: un'opportunità unica, due vacanze in una: soggiorno in campagna e vita in città. Marciano è situato a ridosso della cinta muraria della medioevale Siena.
    5 confortevoli ed amene camere doppie ed una suite. Un piccolo angolo di paradiso tra i nostri vigneti e oliveti dove potrete rilassarvi e rinfrancare il corpo e lo spirito.

    Richiedi disponibilità


    • Castagneto Carducci (Livorno)
    • 52 km da Gambassi Terme

    Podere Vignanova

    Podere Vignanova, little charming resort in Toscana, uno degli angoli più incantevoli della Costa degli Etruschi tra vigneti ed il mare.
    A disposizione degli ospiti 4 confortevoli appartamenti e 4 deliziose Suite arredate in uno stile moderno ma che mantiene traccia dello stile rustico toscano creando un ambiente ricercato, armonioso e assolutamente attuale.

    Richiedi disponibilità



Tuscany Villas immobili di lusso in vendita in Toscana