Montaione

Mel semplice impianto urbano di Montaione, costituito da tre strade parallele, è in particolare evidenza il Palazzo Pretorio sulla cui facciata si conservano ancora numerosi stemmi, in pietra e terracotta invetriata, degli antichi podestà.


MontaioneLa leggenda della fondazione
Secondo la leggenda un giovane nobile volterrano di nome Ajone, passò un giorno per una contrada lontana e nel più profondo del bosco incontrò la casa di Ine che piangeva la sua bellissima figlia, Figline, rapita da tal Gambasso. Ajone decise di riportare a casa Figline e marciò in guerra contro Gambasso. Riportata Figline dalla madre ottenne di sposarla e fondò sia il paese di "Monte Ajone" che il castello di Figline, a poca distanza da esso. I discendenti di Ajone e di Gambasso mantennero comunque un'accesa rivalità.
Un giorno i discendenti di Ajone a di Figline furono attaccati da un esercito nemico che dopo lungo assedio distrusse il castello, passando per le armi tutti i difensori. I popolani di Montaione smarrita la loro guida e la fede, ritornarono all'idolatrìa e decisero di sacrificare la più bella ragazza del paese, il cui nome era Filli, agli dèi in augurio di pace e felicità. Un cavaliere fiorentino, sentita la notizia, si precipitò a Montaione e inorridito dal sacrificio umano (e forse attratto dalla bellezza della fanciulla), obbligò i popolani a liberare la fanciulla e a sacrificare, al suo posto, una vitella. Fu così chiamato il "Sire della Vitella".
Filli, liberata, per riconoscenza verso il suo salvatore gli donò il vestito rosso stracciato che indossava e che egli usò, con orgoglio, come sua bandiera. Filli e il Signore della Vitella si sposarono e ricostruirono il castello di Figline dove vissero innumerevoli anni. Il Sire della Vitella era così innamorato della sua sposa che non faceva altro che chiamarla "Filli mia bella", "Filli desiata", "Filli cara"… fu così che fu chiamato egli stesso e il luogo dove vivevano "Fillicara". I loro discendenti si chiamarono così Fillicara o "Filicaja" o "da Filicaja" ed ebbero come emblema il simbolo del vestito di Filli.
Nel 1623 Michelangelo Buonarroti il giovane, nipote del più famoso omonimo, durante una permanenza a Montaione presso i da Filicaja scrisse "L'Ajone", che interpreta a suo modo la leggenda, aggiungendovi che al suo tempo nel "palazzo" dei da Filicaja a Montaione "si sguazza, e mangia altro che ghiande / e d'un buon vino vi beon le pile".

MontaioneVisitare Montaione
Nel semplice impianto urbano, costituito da tre strade parallele, è in particolare evidenza il Palazzo Pretorio (secolo XIV) sulla cui facciata si conservano ancora numerosi stemmi, in pietra e terracotta invetriata, degli antichi podestà. All'interno si trovano il Museo Civico e l'Archivio Storico. Importante anche la chiesa di San Regolo, già San Bartolommeo, dei XIII secolo, che conserva una pregevole pittura (Madonna con Bambino del XIII secolo) riferita alla scuola del Cimabue.
Nel comune sono presenti numerosi luoghi di interesse storico artistico. Sulla strada per Gambassi terme, a circa 1 Km dal capoluogo si trova la Villa da Filicaja in località Sant'Antonio che sorge nel luogo della romana Figline: fu donata dalla famiglia Medici, con vasti terreni e una casa nel paese, al poeta Vincenzo da Filicaja (secolo XIV).
A circa 2 chilometri troviamo la cisterna romana che risale al secolo II d.C., è lunga 27 metri e larga 3, divisa in tre vasche rettangolari raccoglieva 400 metri cubi di acqua provenienti dalle sorgenti di Poggio all'Aglione.
Di notevole interesse religioso, a San Vivaldo, nei pressi del convento si trova il famoso Sacro Monte o Gerusalemme di Toscana, un insieme di cappelle realizzate da Padre Tommaso da Firenze nel 1500 che rappresentano i luoghi essenziali della passione di Cristo.
A 4 chilometri da San Vivaldo, a valle dei ruderi Medievali dei Castelli di Pietrina e Camporena, si trova la frazione di Iano, un tempo importante per le cave di onice e per la lavorazione delle pietre dure.
Il borgo e la rocca di Castelfalfi, sullo sperone di una delle magnifiche colline nel cuore della Toscana, furono fondati intorno al secolo VIII dal longobardo Faolfi (da qui il nome "Castrum Faolfi"). Distrutto nel 1395 durante le guerre tra fiorentini e pisani, il castello fu ricostruito e coronato da quattro torri, da bastioni e solide mura. Interessante nel borgo la chiesa romanica di San Floriano.

Trekking a Montaione
Montaione è dotato di una rete di sentieri di trekking (alcuni percorribili anche in mountain bike) che attraversano tutto il territorio del Comune.
I percorsi sono organizzati su 6 itinerari, prevalentemente ad anello, e sono stati ideati con lo scopo di far scoprire la maggior parte del territorio, valorizzandone le zone, i boschi e i pendii, che fino a qualche tempo fa erano frequentati solo dai cacciatori e dai cercatori di funghi. Essi ricalcano i tracciati dell’antica viabilità costituita dalle strade poderali, dai sentieri ormai in disuso dei taglialegna e dei pastori.E’ importante mantenere in efficienza questa viabilità per un duplice scopo: per rivalutare una memoria storica a livello di toponimi, e per poter raggiungere velocemente le zone più impervie dei boschi per limitare i danni arrecati al patrimonio naturale dagli incendi estivi.
I sentieri hanno una lunghezza diversa e sono caratterizzati da gradi diversi di difficoltà. Sono contraddistinti da un numero progressivo, che si trova segnalato su cartelli metallici in tutta la lunghezza del percorso, come si trovano altri segni dipinti di colore bianco e rosso. E’ possibile trovare all’inizio e alla fine di ogni anello dei cartelli metallici che riassumono le particolarità del tratto in questione indicandone: percorribilità (a piedi, in mountain-bike), luogo di inizio e fine del percorso, distanza in Km, dislivello totale in metri e tempo di percorrenza riferito alle capacità di un camminatore medio.
I sentieri si differenziano anche per le tipologie delle aree che attraversano: alcuni si inoltrano nei boschi o lungo i fiumi nei fondovalle, altri camminano sui crinali della colline facendo spaziare la vista su panorami senza confini. E’ importante sottolineare inoltre che, nella percorrenza, spesso si attraversano zone di proprietà privata, o si costeggiano aree di pertinenza di strutture ricettive. Si ricorda pertanto di rispettare la privacy degli ospiti e dei proprietari seguendo comportamenti conformi alla civile educazione.
I percorsi sono riprodotti su una cartina in scala 1:25.000 (Itinerari nel Verde) e descritti dettegliatamente in un capitolo della guida "Montaione - Il Paese del Turismo Verde" (Edizioni Tosca s.r.l. - Fi- -1996). Tali pubblicazioni sono in vendita a Montaione presso cartolerie e rivendite tabacchi e in alcune librerie specializzate di Firenze.


Sistemazioni in zona

  • Agriturismo Cesani Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Cesani
    A metà strada tra Siena e Firenze, in una piccola frazione, Pancole, a 6 km dal centro di San Gimignano immersa tra vigneti e oliveti, è ubicata l'Azienda Agricola Biologica Cesani.
    Richiedi disponibilità
  • B&B la Fornace di Racciano Bed Breakfast San Gimignano Siena B&B la Fornace di Racciano
    La Fornace di Racciano, delizioso Bed and Breakfast a 2 km dal centro storico della medioevale San Gimignano, e' situato in un autentico casale toscano, immerso in un grande giardino fiorito.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo Villa il Palagetto Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo Villa il Palagetto
    Agriturismo Villa il Palagetto ubicato nelle immediate vicinanze del centro storico della medioevale San Gimignano, nel cuore della emozionante Toscana di collina.
    Richiedi disponibilità
  • Agriturismo la Lucciolaia Farmhouse San Gimignano Siena Agriturismo la Lucciolaia
    In un suggestivo ed incontaminato paesaggio collinare, sulla sommità della collina, con vista mozzafiato sulle medioevali torri di San Gimignano, dal quale dista circa 7 Km, si erge L'Agriturismo La Lucciolaia.
    Richiedi disponibilità
  • La Pieve Farmhouse Colle Val D'Elsa Siena La Pieve
    Agriturismo La Pieve, casale di charme situato sulle colline della Val d'Elsa, tra Volterra e San Gimignano, lungo la via Francigena, nel cuore della campagna toscana, ricca di elementi naturali e testimonianze storiche.
    Richiedi disponibilità
  • Relais della Rovere Relais Colle Val D'Elsa Siena Relais della Rovere
    Relais Della Rovere è un'affascinante Hotel vicino Siena in una suggestiva location nata dalla ristrutturazione di un'antica abbazia benedettina e di una Villa Papale di epoca rinascimentale.
    PRENOTA ONLINE
  • Relais Hotel Vedute Hotel Fucecchio Florence Relais Hotel Vedute
    Relais Hotel Vedute a Fucecchio è immerso nel verde della campagna Toscana in una posizione strategica per raggiungere Firenze, Lucca, Pistoia, Pisa e Siena.
    Richiedi disponibilità
  • Marignolle relais & charme Hotel Firenze Florence Marignolle relais & charme
    Il relais di charme Marignolle, adagiato sulle colline di Firenze, è la soluzione ideale per chi desidera un luogo di eccellenza e di relax, per chi ama privacy e tranquillità senza rinunciare alle attenzioni e i servizi di un hotel di lusso.
    PRENOTA ONLINE
  • Agriturismo Marciano Farmhouse Siena Siena Agriturismo Marciano
    L'Agriturismo Marciano: un'opportunità unica, due vacanze in una: soggiorno in campagna e vita in città. Marciano è situato a ridosso della cinta muraria della medioevale Siena.
    Richiedi disponibilità
  • Podere Vignanova Relais Castagneto Carducci Livorno Podere Vignanova
    Podere Vignanova, little charming resort in Toscana, uno degli angoli più incantevoli della Costa degli Etruschi tra vigneti ed il mare.
    Richiedi disponibilità
  • Il Convento di Monte Pozzali Farmhouse Massa Marittima Grosseto Il Convento di Monte Pozzali
    Il Convento di Monte Pozzali è un antico monastero del XII secolo oggi completamente ristrutturato ed adibito a residenza di campagna di alto livello.
    Richiedi disponibilità

Mostra sistemazioni su google map